menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alessandro Lucarelli - Foto D. Fornari

Alessandro Lucarelli - Foto D. Fornari

Parma-Salernitana 2-2 | Un pari che sa di sconfitta

Al 17' l'Imperatore di testa sblocca la partita. Segna anche il capitano ma non vale perché nel secondo tempo Sprocati e Vitale ribaltano la situazione. Parma che chiude in nove. Espulsi Di Cesare e Iacoponi

Dal nostro inviato

PARMA – Finisce come non ti aspetti. Una partita dai due volti. Primo tempo brillante, secondo tempo da incubo con il Parma che ci mette del suo per complicarsi la vita. E finisce poi per prendere due schiaffi pesanti che rischiano di tracciare un solco pesante e marcato.

Due gol nel giro di mezz’ora spianano la strada a un Parma sempre più cinico e pronto sui calci piazzati. Sei gol in sette partite, cinque da calci piazzati, due da parte di Di Cesare, altri due da parte di Lucarelli. E sono questi due che si dividono la posta anche stasera con un gol a testa. Prima l’Imperatore, dopo il Capitano permettono ai crociati di andare negli spogliatoi con un risultato pieno e bello. Quasi rassicurante. Quasi perché di mezzo c’è sempre una squadra che non riesce a rimanere tranquilla e che fa di tutto per rovinarsi la vita. Roba da non credere, una trama degna di un film Fantozzi. Il Parma per Di Cesare, in serata di grazia, aveva provato pure a mettere i brividi al Tardini, con un tuffo di testa che ha mandato in porta il suo avversario Rodriguez che ha stretto troppo il tiro graziando Frattali. Due gol dicevamo, entrambi da calcio piazzato, e questa non è una notizia. Per essere precisi, uno da sviluppi di un corner, l’altro su uno schema di perfetta esecuzione che viene portato a termine da Lucarelli su sponda di Scavone. Ma il Parma del Tardini non è solo questo: corre, attacca e gioca bene.

Almeno nel primo tempo. Nel secondo tempo sembra tutto facile, il Parma ha due occasioni entrambe targate Calaiò: nella prima l’attaccante si fa intercettare la conclusione da Radunovic, bravo a superarsi ancora su Insigne sempre invitato da Calaiò in versione assist man. Bollini ha messo dentro Sprocati per Della Rocca, inesistente  e qualcosa cambia. Pronti via buon destro del giocatore in maglia granata che all’11’ si ripete e dal limite insacca sotto al sette. Da qui in avanti 38’ di purissima follia da parte del Parma. Due espulsi, Di Cesare e Iacoponi, un calcio di rigore per la Salernitana e tantissimi errori che costano al Parma un pari che sa di sconfitta. A nove dalla fine Vitale materializza la beffa e in nove uomini contro undici si rischia di andare sotto in più circostanze. Qualche avvisaglia era arrivata anche prima, quando Rodriguez in fuorigioco aveva messo dentro il pallone. Ennesima occasione sciupata al Tardini che diventa l’avversario del Parma.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto: da Parma nuovi voli verso Olbia

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma quasi 100 casi ma ci sono 7 decessi

  • Cronaca

    Vendeva cocaina in strada, arrestato nigeriano

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento