Parma-Sampdoria 2-3 LE PAGELLE | Kulusevski ci prova, Kurtic no

Lo svedese, oltre ad aver propiziato il secondo gol, resta difficile da intercettare. Lo sloveno prevedibile e con pochissime idee

Dejan Kulusevski - foto Ansa

Dal nostro inviato
PARMA - Ecco le pagelle di Parma-Sampdoria 2-3. 

Sepe 6 – Non può nulla sul gol di Chabot che salta indisturbato. Salva su Bonazzoli grazie alla collaborazione di Gagliolo, si arrende alla maglia di Quagliarella che poi ha pure il tempo di servire Bonazzoli per il gol del 3-2.

Laurini 6 – Pimpante, accompagna l’azione puntuale davanti. Si propone, riceve e si mostra affidabile almeno nel primo tempo. Poi crolla con i compagni nella ripresa.

Iacoponi 5,5 – Gioca sicuro in anticipo su Quagliarella, nel primo tempo sembra insuperabile. Nella ripresa cade con gli altri, due dei tre gol della Doria nascono dalla destra, dove c’è di guardia lui. Tocca quel tanto che basta per allungare sulla testa di Sepe la palla di Quagliarella. 

Gagliolo 6 – Salva su Bonazzoli nel secondo tempo con un intervento da leader. Nel primo zero affanni, dopo si fa dura anche per lui. Non al meglio, lascia il campo per Dermaku.

79’ Dermaku sv – Ha il tempo di arrancare su Bonazzoli.

Pezzella 6 – Propositivo, con buona gamba accompagna l’azione senza rintuzzare. Tiene basso Depaoli, poi nel secondo tempo è un’altra musica: perde il riferimento, Ranieri passa a tre in mezzo. Deve stringere ma non sempre lo fa, ma dalla sua parte non ci sono grossi rischi.

Hernani  5 - Corre tanto ma male. Tanto che D’Aversa se lo gioca come primo cambio. Opposizione senza sostanza.

63’ – Barillà 5,5 – Ci mette tutta la buona volontà ma non sembra essere giornata.

Brugman 5,5 – Regia importante, nel primo tempo senza marcatura, gode di una certa liberta e se la prende tutta. Nel secondo Maroni lo tallona e lui non riece a smarcarsi né vedere lontano. Scomparso dopo la traversa colta su punizione.

Kurtic 4,5 – Il solito tentativo di rientrare sul destro e calciare sul secondo palo. Non trova mai lo spazio per la giocata, inconsistente anche davanti.

79’ Siligardi sv – Sicuramente più vivo di Kurtic.

Kulusevski 6 – Fa quel che può, sembra predicare nel deserto senza assistenza. Ma anche lui è in riserva, lo vedi nel secondo tempo. Comprensibile, resta comunque da clonare per tecnica e cattiveria.

Gervinho 5,5 – Il nulla oltre al gol. Si è seduto completamente, non riesce più a essere decisivo come un tempo.

82’ Karamoh sv – Gioca poco per essere giudicato.

 Caprari 5,5 – Questa volta almeno ci mette la voglia. Segna ma in posizione di fuorigioco. Peccato, poteva servirgli psicologicamente.

63’ Inglese 5,5  – Pochi palloni giocabili, tanta grinta e voglia di fare che supera quella dei compagni in campo dal 1’.

D’Aversa 5 – Nel primo tempo il Parma sembra essere tornato ai livelli di un tempo, nel secondo si sfalda e subisce la quinta rimonta post lockdown. Lui che è un abilissimo motivatore, oltre che un bravo allenatore, non riesce a prendersi i suoi sotto l’ala protettiva e a riattivare la scintilla del fuoco sacro che dura solo un tempo, in cui la sua squadra ha raccolto meno di quanto seminato. Ranieri gli blocca Brugman e lui perde la fonte di gioco. Ma il blackout generale, l’ennesimo, è figlio di una condizione mentale più che fisica a terra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento