D'Aversa mette la Samp nel mirino: con gli uomini contati e Kucka in dubbio

Scelte obbligate per il tecnico crociato che spera almeno nel recupero dello slovacco

Riccardo Gagliolo a testa bassa - foto Ansa

Con la Samp in emergenza. Di risultati, visto il punto in sei partite, in termini di uomini, dato che alle assenze di Bruno Alves e Cornelius – infortunati – vanno sommate quelle di Darmian e Grassi, ammoniti a San Siro e squalificati dal giudice sportivo perché in diffida. Se ci mettiamo che il recupero di Kucka (fermatosi alla rifinitura di Milan-Parma assieme a Scozzarella, che intanto ha finito la stagione) resta difficile, possiamo tranquillamente affermare che i problemi di Roberto D’Aversa iniziano a essere tanti. Anche per correggere un finale di stagione che rischia così di pregiudicare – almeno nell’immagine – tutto il grande lavoro che il tecnico, la squadra e i dirigenti del Parma avevano fatto nella prima parte del torneo e fino a prima del lockdown.

La mancanza di alternative, dovuta maggiormente agli infortuni e alle defezioni dell’ultima ora, rischiano di allungare la serie di rimpianti per un Parma che affronta al Tardini la Samp, bisognosa di punti per chiudere il discorso salvezza definitivamente. I blucerchiati hanno trovato una certa continuità, non solo nei risultati, anche nelle prestazioni che hanno determinato un cammino imponente. Quattro vittorie nelle ultime cinque gare, contro Lecce, Spal, Udinese e Cagliari. La sconfitta con l’Atalanta non va certo a pregiudicare il lavoro fatto dall’ex tecnico crociato sulla panchina doriana. E domenica al Tardini sarà battaglia vera. La Samp è settima per rendimento, alla sospensione del campionato aveva collezionato solo 26 punti, ed era distante dal Parma nove lunghezze. Il Parma da allora ha collezionato quattro punti, la Samp il triplo: 12, accorciando a due lunghezze il margine dai crociati. Un balzo notevole, che certifica la freschezza degli uomini di Ranieri e le difficoltà di un Parma che fatica a riattaccare la spina.

Per questo domenica ci vorrà uno scatto d’orgoglio: lo chiede la città, lo chiede D’Aversa ai suoi giocatori. La formazione sarà rimaneggiata, per quanto detto prima. Le scelte obbligate in nome di un undici che sa però offrire le giuste garanzie. Kucka rimane in forse, Laurini prenderà il posto di Darmian, Dermaku quello di Bruno Alves. In mediana, con lo slovacco in dubbio,bisognerà affidare il reparto a Hernani, Brugman e Kurtic, con Barillà che insidia lo sloveno per una maglia da titolare. Davanti la scelta è più ampia. Con Cornelius ai box, probabile che possa toccare a Inglese fare lo sforzo extra di dover giocare un po’ più del previsto: potrebbe esserci spazio anche per Karamoh, alla ricerca perenne di un riscatto. Gli esterni del tridente saranno – con molte probabilità – Kulusevski e Gervinho, in attesa che l’ivoriano estragga dal cilindro qualche trucco di magia che lo faccia ricomparire sul campo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Pasta al glifosato: ecco i marchi che la contengono (e quelli da non dare ai bimbi)

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Ferie blindate: niente vacanze in montagna e divieto di spostamento fuori regione per i parmigiani

  • Firmato il Dpcm, coprifuoco e spostamenti: cosa cambia per i parmigiani

  • Oggi la firma del Dpcm: Natale solo tra conviventi e coprifuoco alle 22

Torna su
ParmaToday è in caricamento