menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma senza centrocampo: si prova a recuperare Scavone

Dezi ha un problema ai flessori della coscia destra, Vacca e Munari non al top ma disponibili. Per Scavone speranza panchina

Il tour de force e la cavalcata dell’ultimo mese e mezzo stanno presentando il conto al Parma. Gli sforzi hanno prodotto risultati impressionanti se si considera il balzo in avanti che dal 26 febbraio (pareggio con il Venezia) il Parma ha fatto. 

Abbiamo scelto il 26 febbraio perché questa è la data simbolo che ha marchiato la stagione del Parma facendola svoltare in maniera positiva. Dieci partite, due pareggi (Venezia e Cittadella) e una sola sconfitta (Entella), con l’abbandono dell’ottavo posto e il salto di qualità al terzo, frutto di 23 punti sui 30 disponibili. Da allora, isolando l’Empoli che sta facendo un altro campionato, il Parma ha collezionato 8 vittorie che sommate alle 9 precedenti hanno fatto dei crociati la squadra più vincente della Serie B (toscani primi in assoluto con 21 vittorie). 

Le 17 partite vinte, una in più del Frosinone, due in più del Palermo, hanno consolidato le certezze della squadra di D’Aversa, minate dagli infortuni che stanno penalizzando parecchio. Detto di Scozzarella, Ceravolo (che forse potrebbe andare in panchina con il Carpi), Da Cruz, Di Cesare e Scavone (si prova a recuperarlo per la gara di sabato), alla lista si è aggiunto Jacopo Dezi che ha riscontrato un problema ai flessori della coscia destra. 

L’unica speranza per evitare di giocare con tre centrocampisti (Munari, Vacca e Barillà) senza ricambi è quella di recuperare almeno per la panchina Manuel Scavone alle prese con un infortunio che lo time lontano dai campi dalla gara con il Palermo. Per il resto, oltre al buco in mediana, tutto parrebbe essere sotto controllo: Gazzola dovrebbe rientrare rispetto ad Ascoli, mentre invece davanti Siligardi e Di Gaudio vanno a fare compagnia a Calaiò davanti, che stringe i denti e consente a D’Aversa di poter stare tranquillo almeno per adesso. Baraye e Insigne, con Ciciretti, scalpitano per provare a impensierire il tecnico e convincerlo ad assegnare a una di loro una maglia da titolare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento