menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stefano Perrone, delegato alla sicurezza del Parma

Stefano Perrone, delegato alla sicurezza del Parma

Il Parma e il Sistema di gradimento: cosa cambia per i tifosi

Perrone: "Siamo abituati al dialogo: nel momento della contestazione di un 'reato' vedremo di sederci a un tavolo e discuteremo con i tifosi. Prevarrà il buon senso"

Stefano Perrone, delegato alla sicurezza del Parma, presenta la vera e propria novità introdotta dalla Federazione per questa stagione, una novità che riguarda ovviamente anche i crociati. A margine della presentazione della campagna abbonamenti griffata dall'hashtag #chinoisiamo, il delegato alla sicurezza illustra il Sistema di gradimento, una norma federale che serve a disciplinare i rapporti tra la società sportiva, che cura l'organizzazione dell'evento, e tutti i fruitori degli stessi eventi: "Da agosto 2017 è stato istituito un protocollo di intesa che ha portato a delle novità. Il sistema di gradimento ad esempio è stato ripreso anche dalla Federazione che obbliga tutte le società in Lega Pro, Serie B e Serie A a dotarsi di tale sistema. Un contratto che devono stipulare le società di calcio con i propri tifosi. Che si impegnano ad avere un determinato comportamento e a mantenerlo durante l'evento. Viene lasciata alla società la possibilità di prendere provvedimenti in caso di comportamento ritenuto scorretto per i canoni della società. Se c'è una violazione grave all'interno dello stadio interverranno le forze dell'ordine. La Figc chiede - sostanzialmente - di eliminare il gradimento della società nei confronti del tifoso che subirà eventualmente l'interdizione. Onere e onore della società che può decidere di allontanare il tifoso, come si fa da anni Inghilterra e interdirlo per un tempo determinato. Quando si sottoscrive un abbonamento - dice Perrone in conferenza stampa - il tifoso deve appunto accettare quello che ti dà la società e quello che, a sua volta, il tifoso deve dare alla società, nell'ottica di uno scambio. Qualora il tifoso non rispettasse l'accordo la società è libera di allontanarlo - nella peggiore delle ipotesi -. 

LEGGI IL TESTO COMPLETO DEL SISTEMA DI GRADIMENTO 

Consideriamo che la non applicazione del sistema di gradimento, oltre a una sanzione importante da parte della Federazione (fino a 400.000 euro) sia dannoso per la società. Se anche sui social ci si sbizzarrisce ad avere un comportamento che vada contro al sistema di gradimento, la società può intervenire. Sono norme che vigono non solo, quindi, all'interno dello stadio. Si tratta di un rapporto privatistico, un patto stipulato tra tifosi e società. Noi siamo stati organizzatori 'al guinzaglio' di normative spesso al di sopra degli organizzatori. Che devono adesso essere liberi da vincoli esterni: la società comincia a prendere possesso di quello che è il suo impianto, di quello che è il suo evento. In quest'ottica di scambio, la società deve essere sempre più brava a dare per poter chiedere eventualmente qualcosa ai suoi tifosi. La figura dello SLO (Giuseppe Squarcia per il Parma, ndr) diventa pertanto sempre più importante all'interno di una società sportiva. La Questura richiede sempre la presenza dello SLO perché diventa punto di riferimento per i tifosi. Il Daspo (sanzione puramente amministrativa) rimarrà, ma non sarà nelle responsabilià del Parma. Il sistema di gradimento è ad personam, soggettivo. Difficile che le società possano intervenire in maniera collettiva. Questo non avrebbe un senso. E' la società - continua Perrone - che può agire nei confronti di una persona fisica che ha acquistato l'abbonamento. In senso generale, il riappropriarsi dell'organizzazione dgli eventi è un passaggio fondamentale nella nostra epoca. Ci crediamo perché in questa fase di sviluppo culturale, in un ottica nuova di vivere lo stadio, noi possiamo dare ai nostri tifosi un impegno reciproco che pensiamo possa essere un valido sistema per crescere. I cori razzisti? In primis rientrano nell'ordine delle cose della pubblica autorità. C'è un'attività di carattere penale che non compete alla società. Se la stessa ha dei mezzi per individuare il protagonista poi agirà di conseguenza. Tutti quelli che accedono all'impianto sportivo devono rispettare le norme del sistema di gradimento. Vale per tutti: dai tifosi agli addetti ai lavori. Tutti devono rispettare la società". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto: da Parma nuovi voli verso Olbia

Ultime di Oggi
  • Sport

    Altro tonfo, il Parma perde partita e speranze di salvarsi

  • Cronaca

    Covid, salgono i contagi: quasi 200 in 24 ore

  • Cronaca

    Parma torna arancione: ecco cosa cambia da lunedì

  • Cronaca

    Vaccino: al via le prenotazioni per chi ha dai 70 ai 74 anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento