menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stefano Morrone al campo - foto Parmatoday.it

Stefano Morrone al campo - foto Parmatoday.it

Vigilia contro l'Ancona, Morrone: "Bisogna dare una risposta a sè stessi"

"Lucarelli? Con lui ho un ottimo rapporto, mi è parsa una situazione paradossale ma adesso siamo uniti e lavoriamo per un obiettivo comune"

Dal nostro inviato

COLLECCHIO - Un po' di Stefano Morrone in gruppo non guasta mai. Grinta, passione, cuore. Intensità e spirito di gruppo. Per risollevare questo Parma, per cancellare il passato e ripartire da zero. "Farò tutto in base a quello che ho visto. Poi vediamo cosa succede. Io voglio fare una grande partita e mi piacerebbe che i ragazzi al novantesimo fossero contenti di aver vissuto la partita fino in fondo. Ho parlato con Alessandro Lucarelli, con il quale il mio rapporto è ottimo, l'ho chiamato nello spogliatoio per parlarci ed era una situazione un po' paradossale. Lui è più grande di me ed è la prima volta che mi capita in carriera (ride ndc). Abbiamo capito che il momento è delicato e bisogna dare tutto per fare il bene del Parma. Così sono arrivato a mercoledì, con lo spirito di dare una mano alla società. La proprietà mi ha chiesto di dare una mano di portare i ragazzi ad Ancona, non vedevo l'ora. Ho trovato un gruppo che sta alla grande, che ha lavorato con intensità, coeso e che mi ha dato tantissimo. Ogni allenatore prova a trasmettere quello che ha. Il mio calcio è fatto di rabbia e intensità, voglia di aggredire l'avversario. Non c'era tanto tempo per provare chissà che, ma i ragazzi sono pronti a dare battaglia. Difesa a quattro? Mi piacerebbe giocare così. Siamo contati dietro, Messina è a disposizione e lo portiamo. Conta molto l'atteggiamento della squadra, non tanto il modulo. Bisogna dare una risposta prima a sè stessi che alla gente, i giocatori infatti sono chiamati a dare una risposta, come me. Abbiamo questa bella responsabilità e ora ce la godiamo. Non ho pensato a un lavoro atletico, loro hanno fatto alla grande quello che gli ho chiesto. Io ho provato a portare la mia mentalità e il mio modo di essere, non mollare mai in qualsiasi situazione. In alcune partite bisognava dare di più e il calcio questo ce lo insegna. Ho provato a trasferire la mia mentalità, sono sicuro che ci saranno delle difficoltà ma sotto l'aspetto della prestazione, vorrei una squadra forte, corta e compatta, aggressiva. Non potevo non vivere questi giorni con grande voglia, che è quella che mi contraddistingue. 

L'Ancona? Non vive un momento bellissimo, gioca davanti al proprio pubblico e vuole tirarsi fuori da queste difficoltà. Ho dormito poco martedì, lo ammetto. Non vedevo l'ora di arrivare al campo. Il mio futuro era nel settore giovanile, ero e sono innamorato di quel mondo e tornerò in quel mondo probabilmente. Ma sono ambizioso, ho costruito la mia carriera con fatica e sudore, cercherò di fare altrettanto da allenatore. A chi mi ispiro? Ho avuto tanti bravi allenatori, che mi hanno dato tanto, ma poi in panchina sono me stesso. Guidolin mi ha dato di più".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 88 nuovi contagi e 4 decessi

  • Cronaca

    I parmigiani e il vaccino: aumentano gli scettici

  • Attualità

    Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento