menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vigilia contro il Carpi, D'Aversa: "Vietato esaltarsi"

"Per stare in alto serve dare qualcosa in più"

Dal nostro inviato

COLLECCHIO - Un altro banco di prova per il Parma che arriva a Carpi da primo della classe. Senza però sentirsi appagato, "sarebbe un errore grave anche solo sentirci soddisfatti per quanto abbiamo fatto". Roberto D'Aversa mette tutti in guardia cercando di abbassare l'entusiasmo che si è scatenato dopo il 4-0 rifilato all'Ascoli e soprattutto dopo la vittoria del Cittadella a Palermo che ha contribuito a spingere i crociati avanti a tutti con il Bari. "Non è stata una settimana diversa dalle altre - ha specificato il tecnico crociato - anzi. Tutte le squadre che sono arrivate su non hanno poi mantenuto la posizione. Per arrivare in testa spendi tanto dal punto di vista psicofisico. Il dispendio è maggiore ma se si vuole rimanere su bisogna dare qualcosa in più, tutti. Curando i minimi dettagli e passando anche dall'alimentazione ad esempio, dal riposo al recupero. Mi aspetto solo di affrontare ogni singola partita con il giusto atteggiamento, che la squadra diventi un corpo unico e poi fare i conti alla fine. Credo che i valori autentici delle squadre verranno fuori più avanti".

Mancherà Calaiò come contro l'Ascoli: "Abbiamo provato diverse situazioni ma la scelta la lascio alla fine. Chiedo a chi giocherà sabato (uno tra Baraye e Nocciolini con il secondo favorito sul primo) di fare una partita accorta cercando di interpretarne le fasi: di attaccare la profondità e di venire a prendere il pallone dietro quando c'è bisogno. GIocando tra le linee. Quando siamo fuori casa vorrei che i giocatori interpretassero la partita in un certo modo. Chiaro che loro vorrano riprendere il cammino, hanno perso 5-0 in trasferta e non sarà sicuramente facile affrontarli dopo questo punteggio. Sarà una partita durissima sotto l'aspetto fisico e agonistico, dovremmo essere pronti mentalmente a interpretarla. Per dare continuità sicuramente è un bel banco di prova, non sarà semplice ma consapevoli dei nostri mezzi saremo pronti mentalmente per affrontare questa gara. A volte può essere una partita tattica, altre una partita fisica, sta a noi poi giocare come sappiamo e adeguarci. Loro sono una squadra brava ad attaccare la profondità con i loro attaccanti, nel momento in cui costruiscono gioco poi vanno veloci a verticalizzare, badano al sodo, conquistano la palla e attaccano. Dovremo limitarli in fase di costruzione".

Sarà previsto un esodo per sabato, quando i tifosi crociati accompagneranno la squadra a Carpi con grande entusiasmo. La vicinanza e il momento positivo spingono la gente al fianco del Parma. "Per quanto riguarda la nostra tifoseria ho sempre detto che senso di appartenenza e attaccamento alla maglia come questi le ho viste poco in giro. Sono comunque contento di avere un grande seguito sperando di regalare ai tifosi una gioia nel derby. Ci voleva del tempo prima di trovare l'amalgama giusta, non dobbiamo sentirci né soddisfatti né appagati, commetteremmo un errore". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Attualità

Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, aumentano i ricoverati al Maggiore: "Giovani vettori del virus"

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento