menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto Donadoni durante la conferenza stampa

Roberto Donadoni durante la conferenza stampa

Vigilia contro il Genoa, Donadoni: "Voglio mantenere i ritmi alti"

"Non sarà facile a Marassi, andiamo ad affrontare una squadra che ha grande voglia di rimettersi in piedi dopo le sconfitte. Molto dipende da noi, da come affrontiamo la partita"

Dopo la sconfitta di Roma, Donadoni si presenta in conferenza stampa con le intenzioni molto chiare. Intenzioni che la squadra assimila, in unltima istanza, durante la rifinitura pomeridiana che precede la partenza per Genova. Si aspetta una grande prova il mister, si aspetta che la squadra abbia recepito la lezione rifilatagli da Luis Enrique una settimana fa e sia pronta a ripartire.

"La squadra ha preso coscienza degli errori fatti nello scorso incontro. Abbiamo studiato i nostri difetti e ci abbiamo lavorato in settimana. Dobbiamo ripartire giocando contro una squadra che avrà grandi stimoli e vorrà reagire in un momento particolare. Troveremo un ambiente caldo, carico: partire con l’atteggiamento giusto per noi sarà fondamentale". Un ambiente che lui conosce, essendoci passato, sia pure per poco. Storie di ex che si intrecciano, come spesso accade nel calcio, storie che per Donadoni contano fino ad un certo punto. "Non mi interessa il passato, mi interessa il Parma. I discorsi in casa d’altri non mi riguardano. Affrontiamo un avversario difficile e dobbiamo pensare a noi, perché molto dipende da noi, da come affrontiamo la gara e da come vogliamo portarla avanti. Dobbiamo pensare alla gara con determinazione e aggressività. Siamo una squadra che deve tenere i ritmi alti, se riusciamo ad essere aggressivi su ogni pallone allora saremo pericolosi. Se non lo faremo ci metteremo nelle condizioni di crearci difficoltà". Oltre al Genoa, il Parma deve tenere un occhio vispo anche sulle prossime gare che il calendario gli riserva, dato che, come ha detto Ghirardi, si tratta del momento topico del campionato. A proposito Donadoni spiega la sua filosofia, cioè quella di pensare ad una gara alla volta. "Le prossime tre partite sono importanti, ma voglio pensare gara dopo gara. E’ chiaro che al termine di questo trittico avremo qualche idea in più. Dobbiamo però ragionare su ogni singola partita, con la coscienza di sapere che ognuna di esse può farci crescere".

SCELTE - Contro il Genoa Donadoni pare orientato a confermare buona parte della formazione che ha perso a Roma. Dovrebbe essere certo il rientro di Floccari, tenuto a riposo in maniera precauzionale, in vista di un filotto impegnativo che attende il Parma. L'ex giocatore dell'Atalanta avrà come spalla l'intoccabile Giovinco, con Biabiany e Modesto sulle fasce, coperti dalla forza di Morrone e Mariga e dal "cervello" di Musacci, anche lui in cerca di riscatto dopo l'impalpabile prova di Roma. A meno che il mister non opti per un inserimento di Galloppa dall'inizio, dato che il giocatore è ormai recuperato dopo l'infortunio rimediato in casa del Chievo. Donadoni valuterà solo dopo la rifinitura pomeridiana. In difesa, out Paletta spazio a Ferrario che sta facendo bene, affiancato dai soliti Zaccardo e Lucarelli, con Mirante che va verso la riconferma.

QUI GENOA - Dall'altra parte Marino non potrà contare sugli acquisti di gennaio. Tra squlifiche e infortuni, l'ex tecnico crociato dovrà fare a meno di Sculi e Biondini, fermati dal giudice sportivo per un turno. Con Gilardino ai box, probabilmente ci sarà un assetto tattico diverso dal solito con il quale il Genoa proverà a subire meno gol, sfruttando le fasce coperte in un 4-4-2 che vede una squadra più quadrata, con maggiore equilibrio nel reparto di mezzo, dove Kucka e Veloso cercheranno di dettare i tempi e fare legna, recapitando palloni a Rossi e Belluschi, rispettivamente a destra e a sinistra del reparto mediano. Saranno loro, con molta probabilità a bloccare gli esterni del Parma e ad alimentare le punte "leggere", Palacio e Jankovic attesi nel gioco verticale. In difesa Mesto e Costant esterni, con Granqvist e Kaladze centrali a difendere Frey, altro ex di una partita che vale molto per entrambe le squadre.

PROBABILI FORMAZIONI

formazioni-17-4

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

  • Cronaca

    Teatri e cinema riapriranno il 27 marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento