menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto Donadoni in conferenza stampa

Roberto Donadoni in conferenza stampa

Vigilia contro il Cagliari, Donadoni: "Loro collaudati, noi determinati"

"Troveremo una squadra ne non è in difficoltà, anzi. Si tratta di un gruppo di qualità che conosco abbastanza bene, ci toccherà essere attenti e pazienti"

Il Parma non batte il Cagliari dal 2007 tra casa e trasferta, Donadoni, che sulla panchina rossoblu si è seduto per appena stagione, lo affronta per la prima volta da ex, con l'enigma Biabiany che ieri si è allenato con il gruppo dopo giorni di terapie e allenamenti differenziati. Il tecnico crociato proverà a recuperarlo per la sfida contro i pari-classifica, nel tentativo di avere una freccia in più al suo arco, già collaudato e disponibile di armi molto valide. 

IN CAMPO I MIGLIORI - Ne è convinto Donadoni, che chiede ai suoi determinazione e quella giusta vogia di vittoria, unita alla prudenza che serbe per portare a termine partite delicate come questa. "Il Parma scenderà in campo con la squadra migliore possibile. Avevo detto che questa sarebbe stata una settimana importante sotto il profilo del lavoro perché d’ora in avanti non ne avremo molto e cosi è stato. Siamo in buone condizioni, dovremo affrontare il match di domani con grande piglio e grande determinazione. Affrontiamo un avversario collaudato, che da tempo ha trovato la sua quadratura. Dovremo essere attenti, lucidi, pazienti. Non pazienti nel senso di giocare sottoritmo, di tenere i ritmi alti con la coscienza di saper leggere e interpretare i momenti che la gara detterà. Dobbiamo pensare che ci troveremo di fronte una squadra non certo in difficoltà ma di qualità, solida e d’esperienza, che ha certezze sul piano tattico ormai acquisite e capacità di cambiare modulo in corsa grazie ad un allenatore capace. E’ un gruppo fatto da ingredienti giusti, da ragazzi che conosco e con cui mi sono trovato molto bene. Ci sarà da sudare. Spetterà a noi tenere un atteggiamento che sia da squadra. Ovvero, giocare tutti sapendo che il singolo può essere determinante grazie all’apporto del gruppo”.

PER NON DIMENTICARE MAI - Gruppo che, come detto, deve rinunciare all'apporto di Mariga. Donadoni non si scompone, non dimentica che in rosa non ci sono giocatori con le sue caratteristiche, vero, ma nemmeno che ora chi deve sostituirlo ci metterà qualcosa in più per conquistarsi oa sua fiducia. "Il valore di Mac lo conosciamo, io però non voglio un giocatore con le sue caratteristiche. Ognuno può dare il suo prezioso apporto con le proprie qualità. Nel calcio si deve mettere in preventivo che ci possano essere infortuni, non ci sono elementi come Mariga ma altri che possono far bene”. Per vincere e puntare alka tranquillità, qualcosa di molto vicino alla salvezza. "Una vittoria? Non archivierebbe Il discorso salvezza, ma certamente fare risultato sarebbe molto importante. E il risultato credo come sempre debba passare dalla prestazione. Come con il Novara". A proposito di giocatori che potrebbero impensierirem in senso buono, Donadoni, non bisogna dimenticare Pereira, che "finora ha avuto poco spazio ma auspico possa essere il futuro del Parma”. Donadoni insieme all’ad Leonardi e a Giovinco ha partecipato ieri a Bergamo ai funerali di Piermario Morosini: “Ho percepito non solo frasi fatte, ma contenuti importanti negli elogi fatti a questo ragazzo. Elogi che evidentemente lui ha saputo conquistarsi negli anni e gliene va dato atto. Ora la speranza è che tutto non venga dimenticato”.
 
SULLE INIZIATIVE - La partita con il Cagliari vede protagonisti non solo i calciatori, sul campo anche tanti bambini e iniziative correlate. A proposito di ciò Donadoni dice la sua. “E’ una bella notizia per noi e anche una responsabilità in più. Loro hanno tanto entusiasmo e noi dobbiamo essere bravi ad aumentare in loro la voglia di fare sport e diventare importanti con lo sport. Sarà anche ulteriore motivo di stimolo e attenzione: agli occhi dei più piccoli come professionisti dobbiamo essere d’esempio e quindi dovremo interpretare la gara nel migliore dei modi”. 

SCELTE - Eccezion fatta per Mariga, che ha terminato la stagione, il Parma si presenta a questa gara quasi al completo. Mirante sarà difeso da Zaccardo, Paletta e Lucarelli. A centrocampo le due assenze pesanti (Biabiany ha poche possibilità) non condizionano la volontà di una squadra che cercherà di fare gioco fin da subito, aggredendo l'avversario e affidandosi ai piedi gentili di un Valdes che si è ben incanalato nel ruolo di regista basso. Ai suoi lati agiranno Morrone, che con molta probabilità prenderà il posto del centrocampista infortunato, e Galloppa, con gli esterni che potrebbero essere Jonathan, lanciato dal gol e assist con il Novara, e Gobbi che si è "riposato" per un turno e dovrebbe essere pronto per ripartire sulla corsia mancina. In attacco Giovinco e Floccari. 

PROBABILI FORMAZIONI

Parma 3-5-2 

83mirante, 5Zaccardo, 29Paletta, 6A. Lucarelli, 2Jonathan, 4Morrone, 17Valdes, 8Galloppa, 18Gobbi, 10Giovinco, 11Floccari

Cagliari 4-3-1-2

1Agazzi, 14Pisano, 13Astori, 21Canini, 31Agostini, 20Ekdal, 5Conti, 4Nainggolan, 7Cossu, 19T. Ribeiro, 51Pinilla

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

  • Cronaca

    Teatri e cinema riapriranno il 27 marzo

  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa dal 1° marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento