menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vigilia contro il Lecce, Marino: "Come una finale. Amauri? E' carico"

Il mister si coccola Amauri, ultimo regalo della ditta Ghirardi-Leonardi, ipotizzando un suo utilizzo già dal primo minuto, ma avverte: "Il Lecce è una squadra in salute, noi non possiamo permetterci di sbagliare"

Nel giorno di Amauri, incombe il Lecce. Si scrive Lecce, ma si legge finale. Lo dice Marino, lo pensano in tanti, questa partita può valere più di vittoria. Vietato fallire, vietato distrarsi. Dopo una sconfitta pesante come quella di Genova, il Parma ha bisogna più che mai di una prova da punti. "Ci saranno variazioni è normale, giocare ogni quattro giorni diventa pesante. Abbiamo una rosa ampia, questo ci permette di far girare gli uomini. Questa partita per noi vale come una finale".

IPOTESI FORMAZIONE- Paci è tornato a disposizione dopo la squalifica, ipotizzabile un suo impiego da titolare dopo il disastro di Paletta. Zaccardo ha scontato il turno e dovrebbe riprendere il suo posto tra i quattro della difesa. Ballottaggio Gobbi - Modesto sulla sinista. A centrocampo, confermato Dzemaili, con Morrone e Candreva ad aiutarlo. In avanti dipende da Crespo. In allenamento ha sentito un dolore alla caviglia, determinato da una uno scontro. Ieri ha riposato, oggi si attende l'ultimo provino. Nel caso ci sarebbe quell'Amauri che scalpita.

Quindi, o staffetta o Crespo in coppia con il brasiliano, con GIovinco dietro le punte. Cambio di  modulo? " Siamo pronti anche a questo, ma ripeto che non so usare solo il modulo di partenza. Abbiamo preso Amauri perchè è un'alternativa anche dal punto di vista tattico".

LECCE E BASTA - Ma per queste cose c'è tempo, saranno "problemi" di Marino, ora bisogna rimanere concentrati sui pugliesi. "Battere il Lecce significherebbe fare un passo avanti molto importante. C'è in palio una posta altissima. Dobbiamo vincere contro una diretta concorrente. Il Tardini deve darci una mano, abbiamo bisogno del pubblico, dobbiamo fare punti in casa, non ripetere più l'errore commesso contro il Cagliari. Partire senza pressione e badare al sodo, dobbiamo essere concreti, avere la cattiveria giusta dobbiamo essere pericolosi ed imprevedibili.

Serve una gran partita. Loro sono in un ottimo stato di forma, hanno vinto con la Lazio, pareggiato con il Cesena all'ultimo minuto, pari con il Milan. Il loro 4-4-2 è collaudato, sappiamo come si muovono, dobbiamo agire di conseguenza. Hanno giocatori bravi, Jeda ad esempio che è imprevedibile, ma si sacrifica in difesa. Dobbiamo essere bravi in fase di non possesso  a limitare le loro giocate".

FINALMENTE AMAURI - Con queste caratteristiche e con un Amauri in più si batte il Lecce, si cerca di battere il Lecce, si vince una delle tante finali. "Sono contento di avere a disposizione un giocatore di questo calibro, diverso da quelli che abbiamo in rosa. In partite come quelle di domenica, quando sei stanco, non riesci nel fraseggio, puoi verticalizzare o cercare di far salire la squadra. Puoi cambiare dal punto di vista tattico. Amauri può giocare da prima o da seconda punta con Crespo e un uomo alle spalle (Giovinco il più adatto ndr ). Avevamo bisogno di lui.

Di carico è carico - dice Marino - fisicamente a posto, potrebbe scendere in campo da subito, vediamo. La sua voglia di riscatto coincide con quella della squadra. Bojinov ai margini? Ma no, si sta allenando bene, è un giocatore importante per noi, un arma in più. Ha avuo qualche problema ppersonale, che sta risolvendo, sta lavorando sodo. Qui non ci sono maglie assegnate, goca chi merita".

PROBABILI FORMAZIONI

PARMA 4-3-3

83Mirante, 5Zaccardo, 24Paci, 6Lucarelli, 18Gobbi, 14Galloppa, 10Dzemaili, 7Candreva, 80Valiani, 11Amauri, 21Giovinco
A disp: 1Pavarini, 29Paletta, 4Morrone, 84Palladino, 13Angelo, 86Bojinov, 9Crespo
All. Marino

LECCE 4-4-2

22Rosati, 40Tomovic, 13Ferrario, 14Fabiano, 28Brivio, 91Bertolacci, 20Vives, 21Grossmuller, 10Olivera, 19Piatti, 9Corvia
A disp: 81Benassi, 2Donati, 8Munari, 4Gustavo, 11Mesbah, 18Giacomazzi, 27Jeda
All. De Canio

I PRECEDENTI

Lecce e Parma si ritrovano di fronte in campionato per la 36.a volta nella storia. Il bilancio dei precedenti 35 confronti diretti è largamente favorevole ai crociati che si sono imposti in 16 occasioni contro le 8 dei giallorossi. La divisione della posta si è registrata in 10 circostanze.

IN CASA DEL PARMA

Il Parma ospita il Lecce in campionato per la 18.a volta nella storia. Il bilancio delle precedenti sfide emiliane è favorevole ai padroni di casa che hanno conseguito 10 successi a fronte di solo 2 sconfitte. Il risultato di parità, registratosi in 5 circostanze e si verificato per l’ultima volta il 13 gennaio 2002: Parma e Lecce chiusero sull’1-1 un match valido per la 18.a giornata del campionato di Serie A 2001/02.

L’affermazione interna più recente del Parma risale all’ultimo confronto diretto datato 6 novembre 2005: la compagine emiliana prevalse per 2-0 in un incontro valevole per l’11.o turno del campionato di Serie A 2005/06. Decisive le reti di Marchionni al 31’ e Morfeo al 50’. Il successo esterno più vicino nel tempo colto dal Lecce è legato al confronto diretto andato in scena il 16 dicembre 1984 quando i giallorossi s’imposero per 1-0 in una sfida valida per la 14.a giornata del campionato di Serie B 1984/85.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 44 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Oggi il Dpcm: le scuole a Parma verranno chiuse?

  • Attualità

    Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

  • Cronaca

    Vaccinazioni per gli over 80: lunedì tra disagi e ritardi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento