rotate-mobile
CALCIOMERCATO

Rinnovo a un passo per Hernani, atteso martedì a Parma

Parti al lavoro per formalizzare l'accordo: in caso di promozione in Serie A si arriva al 2026. Per Pecchia il centrocampista rappresenta una prima scelta

Il filo diretto tra Fabio Pecchia ed Hernani continua e avvicina il brasiliano al Parma. Sono ore decisive infatti per sbloccare la trattativa legata al rinnovo del contratto del centrocampista, indicato proprio dall'allenatore come una prima scelta. Attualmente, l'accordo tra il club e il calciatore è valido fino al 30 giugno del 2024: affinché Hernani possa far parte del nuovo Parma serve un segnale da parte della società che sta provando a prolungare il suo contratto di un anno con opzione fino al 2026 in caso di promozione in Serie A. Mancherebbe solo qualche dettaglio per sbloccare la situazione. Intanto l'ex Reggina è atteso in città martedì, probabilmente si aggregherà al gruppo al Mutti Training Center in attesa di capire gli sviluppi legati alla trattativa.

Centrocampista duttile, può interpretare tutti i ruoli in una mediana a tre e giocare chiaramente nei due davanti alla difesa, Hernani è un centrocampista che garantirebbe al Parma di Pecchia tanto equilibrio e sostanza. Una mediana che ha perso la fantasia e la classe del Mudo Vazquez ritroverebbe i muscoli e il pensiero del giocatore brasiliano che spingerebbe qualche metro più avanti Bernabé. Reduce da una buona stagione alla Reggina, dove si è riscoperto tra i leader della squadra calabrese, Hernani porterebbe in dote anche sette gol e cinque assist: questi sono i suoi numeri in trenta partite giocate sullo stretto. Un buon bottino che ha convinto Pecchia a fargli direttamente la corte, dopo che anche nella scorsa stagione l'allenatore lo aveva indicato come uno dei giocatori che avrebbe integrato volentieri in rosa. C'è da risolvere gli ultimi dettagli: se tutto andrà per il verso giusto, Hernani potrebbe essere un rinforzo per il nuovo Parma. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rinnovo a un passo per Hernani, atteso martedì a Parma

ParmaToday è in caricamento