menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Passo falso del Parma. Ne prende tre dal Genoa e non si rialza più

Finisce 3 a 1 la sfida di Marassi. Succede tutto nel primo tempo, con Palacio su rigore, autogol di Paletta e Kaladze alla fine del primo tempo. Gol di Crespo per i gialloblu. Poco gioco, complice la stanchezza di Palermo

La trasferta di Coppa pesa, eccome se pesa. Condizione deficitaria, poca lucidità in mezzo al campo. Poca cosa questo Parma di trasferta. Paletta aiuta il Genoa a far bottino pieno davanti ai suoi tifosi, la rincorsa di Marino ha una battuta d'arresto. Secondo tempo migliore, ma poco incisivo, allora ecco spiegato il risultato. 

Facce nuove in casa Genoa, con il ritorno del figliol prodigo, Konko, dopo l’esperienza spagnola nelle fila del Siviglia. Dainelli recupera il suo posto in mezzo alla difesa al fianco di Kaladze, in forma Milan. Palacio e Floro Flores, altro nuovo, ad impensierire la retroguardia gialloblu. Panchina per Paloschi.

Parma costretto a fare a meno di Zaccardo, fermato per squalifica, con una “novità” annunciata nel quartetto difensivo. Angelo e non Feltscher. In mezzo al campo il rientro di Dzemaili, affiancato da Candreva e Morrone. No a Palladino, che parte dalla panchina contro la sua ex squadra, si a Valiani, chiamato a dare una mano anche in ripiego. Crespo inamovibile con Giovinco.  

Il Genoa attende il Parma nella propria metà campo, si chiude bene e si propone con una certa frequenza, con Mesto e Konko, mettendo in apprensione Marino. Si alza il pressing rossoblu e il Parma smette di giocare. Palacio sembra scatenato, al quarto d’ora crea la prima palla-gol, sventata da Valiani in copertura. Sulla ribattuta Milanetto la piazza ma è centrale.

Ma al 16’ Paletta fa una sciocchezza, sbilancia Floro Flores lanciato in porta e Pierpaoli fischia il rigore. Palacio segna il quarto gol al Parma e porta il Genoa sull’1 a 0. Floro Flores è scatenato, sfrutta le verticalizzazioni e va in porta. Ci vogliono le maniere forti per fermarlo. Il Genoa copre bene tutti gli spazi impedendo ai gialloblu di proporsi.

Solo Dzemaili cerca di accendere la luce, ma il suo taglio verticale sulla destra per Giovinco è lungo. Ma al primo tiro in porta, il Parma pareggia. Valiani riceve dopo un colpo di testa della difesa rossoblu, non ci pensa due volte e lascia partire un destro potente che Eduardo non trattiene. Sulla ribattuta pronto Crespo che insacca. Alla mezzora 1 a 1. Ci prova anche Kucka dalla distanza ma Mirante blocca.

Il Genoa non demorde e ha la palla del vantaggio al 39’. Rossi servito da Criscito con tanto di tunnel, cerca di sorprendere Mirante, ma lui è bravo a bloccare. Non può nulla al 44’ quando su cross di Criscito Paletta insacca nella porta sbagliata. Nemmeno due minutti più tardi, quando un rimpallo, sempre di Paletta, favorisce Kaladze che fa 3 a 1. Parma negli spogliatoi pesantemente sotto.  

Ripresa con un cambio per Marino, che vuole assolutamente recuperare. Morrone lascia il campo a Palladino, con arretramento di Valiani sulla linea mediana. Ma è ancora il Genoa a sfiorare il gol, con Kucka, la cui conclusione sfiora il palo. Sembra beneficiare del cambio il Parma, con Candreva che cerca la sberla ma Eduardo questa volta devia.

In due minuti Palladino ha due possibilità, ma non le sfrutta. Prima al 9’ di testa in tuffo,  poi tenta di servire Candreva dopo una bella giocata, ma la sua palla è appena lunga. Il Parma cerca ora di alzare i ritmi, ma i rossoblu di Ballardini pressano alto e vanno anche alla conclusione con Flores testa. Di testa anche Lucarelli da angolo, ma il suo colpo di testa non è preciso.  

Al 22’ci vuole tutto il mestiere di Criscito che, con un’ottima diagonale chiude la porta a Crespo, già pronto ad esultare. Poco incisiva la squadra di Marino che produce gioco ma non trova varchi pericolosi. Qualche tiro di Giovinco e un colpo di testa di Lucarelli sono troppo pochi per impensierire il Genoa. Al di là del risultato, sconfitta pesante anche sul piano del gioco per Marino.

DAGLI SPOGLIATOI

Marino: "Abbiamo subito gol su un rigore che non ho ancora visto se c'era o no. Siamo stati sfortunati anche sulle altre due reti. La squadra ha cercato di riaprire la gara. Abbiamo avuto opportunità. Purtroppo non siamo riusciti a paregggiare. Zona calda della classifica? Abbiamo perso solo un punto dalla terzultima. Non penso che oggi ci siano problemi sotto questo punto di vista. Mercato? Noi stiamo bene così, però è chiaro che la società continua a lavorare e finché il mercato non è chiuso può succedere di tutto".

Crespo: "Complimenti al Genoa, hanno disputato un ottimo primo tempo, non ci hanno fatto giocare la palla. Dopo il gol pensavo che potessimo avere una reazione, ma l'autogol di Paletta ci ha tagliato le gambe. Poi è arrivato anche quel gol di Kaladze che ci ha puniti eccessivamente. Il mio gol? Non avevo segnato da ex, fa piacere, ma dispiace per la partita".

Ballardini: "Abbiamo disputato un primo tempo molto positivo, nella ripresa abbiamo un po' sofferto la loro spinta, anche a causa di una qualche fatica. Konko e Floro Flores si stanno inserendo bene, e hanno disputato buone prestazioni, come anche lo stesso Paloschi. Le mie dichiarazioni sul mercato rispecchiavano quello che pensano un po' tutti gli allenatori: quando la sessione si chiude diventa decisamente più facile capire il da farsi e lavorare serenamente".

IL TABELLINO

GENOA 3–1 PARMA

Marcatori: al 16’ p. t. Palacio (G) rig. , al 32’ p. t. Crespo (P), al 44’ p. t. aut. Paletta (P), al 46’ p. t. Kaladze (G)

GENOA 4-3-1-2

1Eduardo, 20Mesto, 3Dainelli, 13Kaladze, 4Criscito, 33Kucka, 77Milanetto, 5Konko (dal 45’ s. t. 18Rafinha), 7Rossi (Cap.) (dal 48' s. t. 43Paloschi), 11Palacio, 83Floro Flores (dal 41’ s. t. 24Moretti)

A disposizione: 73Scarpi, 18Ferreira, 42Veloso, 71Jankovic

All: Ballardini

PARMA 4-3-3

83Mirante, 13Angelo (dal 21’ s. t. 14Galloppa), 29Paletta, 6Lucarelli, 18Gobbi, 4Morrone (Cap.) (dal 1’ s . t. 84Palladino), 10Dzemaili, 7Candreva (dal 42’ s. t. 86Bojinov), 80Valiani, 9Crespo, 21Giovinco

A disp: 1Pavarini, 2Feltscher, 23Modesto, 38De Vitis

All: Marino

Arbitro:Sig. Pierpaoli di Firenze

Assistenti: Sigg. Carrer - Ciacaleoni

Ammoniti:al 26’ p. t. Milanetto (G), al 30’ p. t. Dainelli (G)

Angoli:2 - 1

Recupero:  2’ p. t. –  4’ s. t.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento