menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rugby, Zebre sconfitte: in Irlanda finisce 66-21 per il Connacht

Brutta sconfitta per il XV del Nord-Ovest

 Le Zebre Rugby hanno affrontato il quinto turno della più prestigiosa coppa europea per club sfidando il Connacht nell’ultima trasferta della loro fase a gironi. I campioni in carica del Guinness PRO12 ancora in corsa per il passaggio del turno nella Champions Cup, hanno avuto la meglio: il primo tempo ha visto però gli irlandesi a risalire nel punteggio a chiudere la gara prima dell’intervallo sfruttando l’indisciplina italiana costata una doppia inferiorità alle Zebre dopo la mezz’ora di gioco. Nella ripresa con la gara saldamente nelle mani dei padroni di casa i bianconeri hanno trovato la terza meta con Bellini chiudendo la gara in attacco alla ricerca della segnatura che sarebbe valsa il punto di bonus che però non è arrivata.

Dopo il primo fallo contro le Zebre i padroni di casa giocano bene una rimessa sulla metà campo con l’estremo O’Halloran bravo a trovare il break e fissare l’ultimo difensore italiano: è l’ala Healy a sostegno a segnare dopo 2 minuti la prima meta. Le Zebre rispondono giocando una mischia nei 22 irlandesi trovandosi rapidamente a giocare alcune fasi vicino alla linea di meta. Baker è fermato a pochi centimetri dalla segnatura ma lo sforzo offensivo porta comunque in meta Meyer per il pareggio. Ritmo concitato nelle prime azioni di gioco a Galway con i bianconeri che mettono ancora pressione ai campioni del Guinness PRO12 che non riescono ad uscire alla mano dai propri 22 concedendo un’altra mischia alle Zebre. L’azione ospite è ancora veloce ed avanzante col XV del Nord-Ovest che porta in meta dopo poche fasi il Ruzza sotto i pali. Canna trasforma la terza meta nel torneo del giovane numero 8 per il primo vantaggio esterno. Al 15° sul punto d’incontro Ceccarelli è sanzionato dal direttore di gara inglese sulla metà campo ma le Zebre difendono bene la rimessa e liberano al piede trovando anche il tenuto fischiato a Cannon. A metà tempo Connacht si riporta in parità: break centrale irlandese sulla metà campo con l’apertura Cooney a sfruttare la propria velocità per segnare in solitario. Mbandà e compagni possono giocare una nuova mischia nei 22 avversari al 21° ma questa volta sono gli ospiti ad ingaggiare anticipatamente. I padroni di casa si ritrovano così velocemente sui 22 italiani con Canna sanzionato dopo aver effettuato un placcaggio. La penalità è giocata in touche con il XV di coach Lam che trova la terza meta grazie ad un calcetto di Cooney sui 5 metri recuperato da O’Halloran sotto i pali, riportando avanti Connacht. L’indisciplina pesa sulla gara delle Zebre con un altro fallo concesso in difesa ed un altro ancora di Palazzani su una ricerca d’intercetto che vede i bianconeri costretti a difendere nei propri 22. Il primo drive irlandese è difeso in modo indisciplinato dalle Zebre che concedono la quarta meta alla maul del Connacht poco dopo al 29°. La franchgia di base a Parma deve chiudere la prima frazione in inferiorità numerica con Greeff ammonito per un placcaggio alto al 31°. Al 34° ancora un fallo contro Canna che non rilascia il giocatore placcato con Connacht che calcia nuovamente in touche. La maul, difesa in modo indisciplinato, costa il giallo anche a Ceccarelli con le Zebre in doppia inferiorità a difendere un lungo multifase irlandese. Connacht decide di giocare con una mischia ai 5 metri il decimo fallo italiano trovando la quinta meta col mediano Marmion. Dopo un tenuto fischiato a Koegelenberg, Connacht gioca una touche in attacco: l’ovale arriva nelle mani di Ronaldson che è bravo a trovare il varco nella difesa italiana per segnare la sesta meta dei padroni di casa prima dell’intervallo.

Ad inizio ripresa Connacht sfrutta ancora la superiorità numerica con la meta di Healy alla bandierina sinistra dopo 90 secondi, col palo destro a aiutare la trasformazione di Cooney. E’ ancora sull’out sinistro che i nero-verdi trovano varchi acon Healy che questa volta serve O’Halloran a segnare la sua seconda meta personale prima che le squadre ritornino in parità numerica. Un fallo in mischia permette alle Zebre di alimentare un’azione d’attacco al 49° con Fabiani a lanciare la sua prima touche sui 22. Il multifase bianconero trova il fallo in ruck davanti ai pali giocato con una mischia che trova un altro fallo della prima linea di casa. Dopo l’ingaggio l’ovale è giocato sull’ala sinistra con le Zebre a trovare una touche sui 5 metri. La maul avanza ma l’arbitro fischia un velo dell’attacco italiano così sfuma l’azione. Connacht risale alla mano dalla propria metà campo e, con veloci ed efficaci ricicli, costruisce l’azione avanzante che porta in meta Marmion al 55°. Rispondono le Zebre con una pregevole azione di Baker: il neozelandese riceve l’ovale sui propri 10 metri e con un calcetto recuperato dallo stesso ex capitano degli AllBlacks seven viene fermato sui 22 avversari con Canna che per poco non riesce a controllare l’offload. E’ ancora la mischia chiusa l’arma migliore delle Zebre che ingaggiano nei 22 irlandesi all’ora di gioco trovando ancora il fallo contro il pilone Andress. Dopo la rimessa e la maul servono una decina di fasi alle Zebre per trovare la loro terza meta segnata da Bellini con un veloce raccogli e vai vicino ai pali al 63°. Le Zebre credono nella quarta meta e si ripropongono in attacco con piglio con Fabiani fermato sui 22 dopo un fallo giocato veloce da Violi. La meta arriva però sull’altro fronte col neo entrato Blade a segnare: l’azione parte da una mischia centrale con Connacht che sfrutta la velocità dei propri tre-quarti sull’out sinistro per superare la difesa italiana. A sette dal termine le Zebre difendono nei propri 22 concedendo un fuorigioco che Connacht gioca in rimessa: la pericolosa azione avanzante degli irlandesi è fermata vicino alla meta dalla difesa che trova il turn-over. Palazzani prova a mettere pressione al piede al triangolo allargato avversario con Connacht che però risale muovendo velocemente il pallone. L’ovale ragggiunge le mani dell’ala Adeolokun che lo calcia in avanti ma non riesce a recuperarlo per un’ostruzione di Minnie non sanzionata dal TMO. I bianconeri ricevono un altro fallo in mischia a due minuti dalla fine attaccando alla mano dalla metà campo alla ricerca della meta del bonus; Greeff entra nei 22 ma il suo offload per Baker non è preciso e così sfuma per le Zebre la possibilità di segnare ancora.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento