Parma, verso il derby con il tridente e un dubbio in mezzo al campo

La marcia verso il derby procede senza particolari intoppi. Donadoni pare orientato a confermare la formazione che ha pareggiato con la Fiorentina, con Gobbi in vantaggio su Molinaro e un ballottaggio tra Acquah e Marchionni, diffidato

Il derby si avvicina, l'attesa cresce e i tifosi non stanno nella pelle. Hanno invaso le biglietterie e fremono, hanno cominciato a sfidarsi a colpi di slogan sui social network e hanno tappezzato le vie con striscioni e inviti, sognano in grande, il calendario glielo permette, considerando che il Milan e la Lazio hanno scontri impegnativi rispettivamente con Juventus e Fiorentina. Si ha la possibilità di rosicchiare punti alle cosiddette grandi che stanno risalendo la china, per poi aspettare il Verona nello scontro diretto. Ragionamenti validi, ma rimandabili tranquillamente. Donadoni l'epicureo, si è fatto conoscere per pensarla giorno dopo giorno, e figurarsi se il suo ego serio e puntiglioso, possa andare oltre il derby di domenica. Il tecnico, dalla base operativa di Collecchio, arricchita di una struttura all'avanguardia, il sintetico coperto, sta preparando l'offensiva al torneo, per sostenere che ci sarà da concorrere fino alla fine per il sesto posto. 

La squadra si è allenata a porte chiuse, esercitazioni, schemi e partitella per sciogliere gli ultimi dubbi sulla formazioni che scenderà in campo. Munari è squalificato, Paletta, Parolo, Marchionni e Pozzi diffidati, sulle scelte potrebbe pesare la paura per il cartellino. Chi lo prende salta il Verona, scontro chiave, e Donadoni forse, cercherà di preservare i suoi da questo rischio. Acquah è pronto per il ruolo di vice Marchionni, con Gargano che andrebbe in cabina di regia, altrimenti potrebbe essere Parolo a cedere il posto e riposarsi per evitare il pericolo ammonizione. Il discorso per Paletta dovrebbe essere diverso, dovrebbe andare in Nazionale e non per questo Donadoni lo preserverà. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Davanti, lo spazio se lo prende Cassano. FantAntonio sta bene, i compagni lo cercano e si fidano di lui, sanno che è l'uomo che può fare la differenza. Quando vuole. E con lui, intoccabile, ci saranno Amauri e Biabiany, in un 4-3-3 che punta sul sacrificio e sulla forza dell'italo-brasiliano che sembra aver trovato la condizione migliore. E' vero, con Ama ci sono più possibilità di essere "prevedibili", la squadra sembra più pesante ma resta efficace. L'italo-brasiliano ha cominciato bene, quattro gol in cinque partite e una media buona che per ora tiene lontano Pozzi dal campo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento