menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rugby | Il vento del Galles piega le Zebre: finisce 20-12 per gli Scarlets

Non basta un'ottima ripresa, i ragazzi di Guidi cadono sotto i colpi di una delle squadre più in forma della Pro 12: "Come a Gloucester tre settimane fa non possiamo pensare di rivaleggiare contro una delle migliori squadre con partenze stentate"

"Ci siamo adattati male al forte vento di quest’oggi; lo zero su sei in rimessa laterale nel primo tempo lo dimostra. Sono invece contento della parte centrale della gara: quando la squadra ha ritrovato tranquillità ha giocato bene mettendo in campo una gara di sostanza con i nostri giovani piloni a mettere in difficoltà 2/3 della prima linea della nazionale gallese. Il meritato punto di bonus ci sarebbe andato stretto, è arrivata una sconfitta senza punti per la classifica: abbiamo pagato caro questa partenza con handicap”. Oltre al danno, arriva per le Zebre anche la beffa, di non aver mosso la classifica e di aver visto il punto bonus sfumare. Il commento post gara di Guidi, head coatch che pensa sempre positivo, fotografa una giornata uggiosa in tutti i sensi. Sul campo e fuori. L'ultima gara in Galles per i suoi ragazzi, nella seconda trasferta consecutiva della Guinnes Pro 12, non è andata affatto male, anzi, e se Guidi potesse tornare indietro partirebbe sicuramente dall'inizio: "Come a Gloucester tre settimane fa non possiamo pensare di rivaleggiare contro una delle migliori squadre del Guinness PRO12 con queste partenze stentate".  Pronti via e le condizioni atmosferiche disturbano la touche italiana con gli Scarlets che contrattaccano trovando la meta: break centrale di Parkes che serve Aled Davies per la facile segnatura. Il XV del Nord-Ovest trova in fuorigioco la difesa gallese ma il calcio di Burgess non esce in rimessa e le Zebre sono costrette ad arretrare di 40 metri. Bene Van Schalkwyk a riportare avanti la linea d’attacco bianconera ma lo stesso numero 8 controlla volontariamente un pallone in avanti subendo il fischio di Clancy al 17°. Gara in mano agli Scarlets che mantengono il possesso in attacco sfruttando anche l’indisciplina degli ospiti: al 22° Thomas piazza da posizione centrale per il 17-0. La difesa italiana controlla un’altra pericolosa azione del XV di Pivac nei 22 prima che Sarto venga sanzionato per un placcaggio pericoloso al 25°. Lo sforzo offensivo si placa sui 5 metri: l’ovale è perso in avanti da Barclay con Derbyshire bravo a rubare successivamente la touche degli Scarlets. Dopo 30 minuti a tinte scarlatte le Zebre attaccano al 29° con una maul avanzante che trova un fallo ma la rimessa sui 22 gallesi non è controllata. Il secondo tempo vede Violi subito in campo con Canna sugli scudi bravo a stoppare e calciare il avanti un pallone vagante innescando all’ala la velocità di Van Zyl: il sudafricano è fermato irregolarmente da Williams senza il possesso dell’ovale ma il TMO Mason concede solo il fallo. Questa volta la maul italiana riesce a portare in meta Van Schalkwyk col vento che devia la trasformazione. Le Zebre risalgono il campo dopo un’altra bella mischia ingaggiata da Biagi e compagni sui propri 22. Un fuorigioco gallese permette a Canna di trovare la rimessa nei 22 avversari risalendo 40 metri. Avanza la maul italiana con Violi che si stacca sul lato chiuso ma viene fermato ai 5 metri. Tanti i raccogli e vai con i bianconeri che superano la linea di meta con Violi tenuto però alto dal Rohdri Jones: si torna su un vantaggio precedente che costa il giallo alla seconda linea degli Scarlets Paulino. Dopo la mischia chiusa è ancora Van Schalkwyk a rompere il placcaggio di Shingler e segnare la sua seconda meta odierna. Violi è preciso dalla piazzola portando il punteggio 17-12 al 62° minuto riaprendo la partita. Al 66° un placcaggio al collo di Derbyshire costa un piazzato sui 22 italiani con gli Scarlets che non trovano però i tre punti in inferiorità numerica. I padroni di casa ci provano con la rimessa al 68° trovando un altro piazzato per indisciplina delle Zebre in ruck ma Shingler questa volta centra il palo destro. 

Al 77° Shingler ha un terzo tentativo dalla piazzola e centra i pali per il 20-12. Le Zebre hanno un’ultima occasione con una mischia giocata sulla metà campo: a tempo scaduto il XV del Nord-Ovest ci prova alla mano ma arriva il turn-over che chiude la sfida del Parc Y Scarlets con la quarta sconfitta in Galles per le Zebre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento