Scozza accende la luce: regia e sostanza per Bob

Lotta, imposta e calamita palloni: il suo recupero potrebbe essere prezioso per il tour de force. Centrocampista unico nello scacchiere di D'Aversa

Matteo Scozzarella - foto Ansa

Il cervello del Parma ha poco tempo per riattivarsi. Mentre Roberto D’Aversa mette benzina nel motore della sua macchina, attesa da un viaggio senza praticamente nessuna sosta, il computer di bordo cerca di rimettersi a passo con i nuovi programmi installati nel software crociato. Che ancora oggi porta il nome di Matteo Scozzarella, pensiero e azione. E verticalizzazione, tanto per intenderci. Lo scudiero di Bob – a 32 anni compiuti – si riscopre pedina fondamentale per gli schemi del tecnico che più di tutti lo ha valorizzato, regalandogli un posto in prima fila nel litorale della Serie A, in precedenza solo assaporata dal regista del Parma che ormai può considerarsi un veterano di uno spogliatoio che ha ancora voglia di stupire, come Scozza, d’altra parte: partito dalla Lega Pro, è arrivato a indossare la fascia di capitano del Parma in Coppa Italia, nella partita conto la Roma. Nel giorno del suo 32esimo compleanno morde il freno augurandosi che la lesione al retto femorale destro sia un vecchio ricordo. E che il regalo in prospettiva, da scartare assieme al gruppo, sia quello di raggiungere la salvezza il prima possibile, accompagnato dalla speranza di non doversi più fermare e di continuare a correre per lui e per il Parma.

Fermo dal 26 di gennaio, dalla gara vinta con l’Udinese, Scozzarella ha saltato quattro partite, in cui il Parma ha collezionato 4 punti a fronte di una sola vittoria e un pareggio. Le altre due sono sconfitte tra le polemiche, firmate Lazio e Spal, gara alla quale ha assistito dalla tribuna in mezzo all’incredulità dei circa trecento che popolavano il Tardini. Tra giocatori e addetti ai lavori. Adesso che pare si sia trovata una quadra, D’Aversa punta su forte sul suo regista che è qui da anni, tre per la precisione, che con lui ha vinto due campionati (Lega Pro e Serie B) dopo una recita da protagonista, contribuendo in maniera efficace a mettere il timbro anche sulla salvezza, raggiunta matematicamente alla penultima giornata. “In estrema difficoltà ho dovuto inserire Scozzarella contro la Fiorentina per aumentare il peso offensivo – ha sempre detto D’Aversa per celebrare l’importanza del suo giocatore – “, segno della fiducia totale che il generale crociato ha nel suo soldato. Ed è stato proprio Scozzarella a marchiare quella gara, regalando al Parma la possibilità di giocare tra i grandi un altro anno. Sa quello che vuole D’Aversa, sa come gioca e cosa può chiedere a gara in corso. In attesa di lucidare la carrozzeria, D’Aversa mette benzina nel motore del Parma provando anche ad azionare il cervello della squadra. Impegnata in un bel tour de force che fa meno paura, se c’è anche Matteo Scozzarella. La forza del pensiero e l’efficacia dell’azione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Allerta meteo arancione per temporali, temperature in picchiata

  • Coronavirus, a Parma zero decessi e zero contagi

Torna su
ParmaToday è in caricamento