Siena - Parma 0-0 | Al Franchi vincono gli sbadigli, a Donadoni va bene così

Partita bloccata nel punteggio e nel gioco. Il Siena chiude gli spazi e si affida a Emeghara, vicino al gol al 4' e al 64'. Il Parma fatica a costruire ma ci prova con Amauri, che sfiora il tocco ravvicinato

Ninis contrastato da Calello - Tm News Infophoto

Per colpa di un buco in una delle due reti, la partita del Franchi comincia con un attimo di ritardo. Donadoni si affida al 3-5-2, per indietreggiare Biabiany sulla linea mediana e per confermare il greco Ninis, con Valdes che va in panchina e Marchionni al suo posto, nella posizione di regista davanti alla difesa a tre, con Paletta in mezzo a Benalouane e Lucarelli. Sansone aiuta Amauri. Iachini si affida a Rosina e Agra dietro all'unica punta Emeghara, subito protagonista appena dopo 4'.

IL MATCH - C'è un certo ritmo in campo, sostenuto sin dalle prime battute. Guida lo svizzero in maglia bianconera, che prova subito ad approfittare di una dormita di Paletta che se lo perde per un attimo su palla che parte dal centrocampo. Emeghara è veloce a inserirsi nello spazio e a presentarsi davanti a Mirante che si vede scavalcato da un pallonetto che termina alto di un soffio. Alla vigilia si è detto che le motivazioni saranno la chiave della partita. Il Siena comincia bene, ma è il Parma a prendere campo e a distendersi in maniera pericolosa. Ninis, confermato in mezzo al campo, prova a dare ragione a chi lo ha scelto, costringendo Pegolo ad alzare la palla in angolo. Qualche problema per il Parma sulla destra, dove Biabiany non è abbastanza fluida nella doppia fase. Lascia solo Benalouane e Donadoni lo riprende puntualmente. E infatti appena può, Rosina, con Agra, prova a sfruttare il buco lasciato dal francese e lancia nello spazio Emeghara che è il pericolo numero uno. Meglio nella fase offensiva il francese, decisamente e da una sua discesa nasce la palla gol che Amauri decide di piazzare lontano da Pegolo. Prima il centravanti se ne era divorata un'altra mancando lil tocco di fronte al portiere bianconero.

LE PAGELLE

Non ha convinto a pieno Ninis, Donadoni lo sostituisce con Valdes. Ma non cambia nulla perché la gara stenta a decollare. Solo alcune fiammate come quella di Vergassola da una parte e Sansone dall'altra ma, in enrtrambe le occasioni, la palla va fuori. A Donadoni può stare bene così, a Iachini no ed è per questo che butta Pozzi nella mischia. Ma è ancora Emeghara a provare il colpaccio, quando, al 18', decide di fare tutto da solo mettendo in mostra tutto il suo repertorio. Velocità e buona tecnica, se ne beve un paio ma calcia alto. Come il tiro di Sansone, ottimo per preparazione, appena fuori. La giocata più interessante della gara arriva al 75', con il ritmo che si mantiene basso. Donadoni si gioca la carta Belfodil per cercare di ravvivare la fase d'attacco, spenta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

TABELLINO E CLASSIFICA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

  • Influenza: a Parma il primo caso in un bimbo di 9 mesi

  • Coronavirus: a Parma 15 nuovi casi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento