Spadafora: "Se ci sarà accordo sugli allenamenti ok, altrimenti sarà il Governo a chiudere"

"Ci assumeremo la nostra responsabilità e faremo in modo che anche il calcio come le altre imprese possa pagare meno danni possibili, visto che è una grande impresa del Paese"

Vincenzo Spadafora, ministro dello Sport - foto Ansa

"In questi giorni il comitato tecnico scientifico sta incontrando le varie componenti del mondo dello sport, Figc e non solo, per degli approfondimenti sul protocollo proposto. Se si troverà una sintesi, gli allenamenti ripartiranno e questo potrà avere i suoi effetti sulla ripresa del campionato, altrimenti sarà il governo a decretare, per motivi di evidente emergenza sanitaria, la chiusura del campionato". Il ministro dello sport e delle politiche giovanili, Vincenzo Spadafora, a 'Mi manda Raitre' è tornato a parlare di Serie A e di ripresa del campionato, al netto delle difficoltà dell'emergenza sanitaria e delle polemiche tra i vari fronti. "Siamo al punto in cui secondo me bisogna lanciare un appello anche alla Lega di serie A sul finire qui polemiche e scontri. Il calcio deve essere anche in questo momento il simbolo di leggerezza, passione e gioco, e deve dividerci solo per il tifo per le nostre squadre del cuore. Se tra il Comitato tecnico scientifico e la Figc si troverà una sintesi sul protocollo, gli allenamenti riprenderanno" anche a livello collettivo "e questo sicuramente avrà un riflesso positivo anche sulla possibile ripresa dei campionati. Viceversa, sarà il Governo a decretare, per motivi di evidente e incontrovertibile emergenza sanitaria mondiale, la chiusura del campionato, e allo stesso tempo ci assumeremo la nostra responsabilità e faremo in modo che anche il calcio come le altre imprese possa pagare meno danni possibili, visto che è una grande impresa del Paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Coprifuoco alle 23 e deroghe ai nonni per le feste di Natale: verso il Dpcm del 3 dicembre

Torna su
ParmaToday è in caricamento