Spal-Parma 1-0 LE PAGELLE | Male tutti, squadra in calo

Centrocampo assente, sempre scavalcato. Lo scarto minimo si deve a Sepe

Luigi Sepe - foto Ansa

Dal nostro inviato
FERRARA - Ecco le pagelle di Spal-Parma 0-0

Sepe 7 - Salva il risultato al tramonto del primo tempo, con i suoi già in svantaggio. Trafitto da Petagna, miracoloso su Missiroli che calcia a botta sicura. Vola e respinge, tiene in vita i suoi anche nel secondo tempo, risultando decisivo anche su Reca.

Iacoponi 5,5 - Soffre il gioco di catena della Spal, che a destra punge con Reca e Kurtic, annaspa su Floccari. Riesce a sporcare qualche linea di passaggio, ma se non va a fondo lo deve a Sepe e alla mancanza di lucidità degli avversari che mancano più volte il raddoppio sottoporta. 

Bruno Alves 5,5 - E' il giocatore che ha vinto più duelli in tutto il campionato, 28. Si capisce quando di testa comanda, ma se la Spal gioca palla a terra va in difficoltà. Il suo lancio lungo a superare il centrocampo è sintomo dell'aridità di idee nel creare gioco. 

Gagliolo 5,5 - Fresco di convocazione nella Nazionale svedese, 'gamba di legno' gioca in maniera accorta ma finisce subito per subire le iniziative degli avversari che hanno più fame e corsa del Parma. per colpa di un intero reparto che annaspa. 

Pezzella 5 - Va dentro una sola volta, facendo ammonire Strefezza. Il gioco a due con Gervinho funziona poco, in fase difensiva soffre l'italo-brasiliano. Distratto, perde una pallaccia che apre la strada a Strefezza e conclude senza più energie e lucidità per pungere.

Kucka 5 - Non incide, sporca qualche linea di passaggio nel primo tempo, ma si fa prendere il passo dai suoi dirimpettai. Gioca anche da esteno, ma lo fa solo per 12', poi si rimette al suo posto senza lasciare traccia. E' stanco e si fa superare superare spesso e volentieri. 

Hernani 4,5 - Sottotono, male da play, non trova mai i tempi giusti per imbeccare l'azione. Riesce a fare peggio da mezz'ala destra. D'Aversa gli dà tempo 12' minuti, poi lo sostituisce con Sprocati. 

57' Sprocati 6 - E' vivo, ha voglia, sicuramente più di altri. E si vede. Un paio di pestoni bloccano qualche ripartenza, ma resta di gran lunga il più vivo dei suoi, e il che - considerando che ha giocato più di mezz'ora - è tutto dire. 

Barillà 5- Gira a vuoto, nel possesso palla non si propone e finisce dentro alla rete che Semplici ha costruito sulla terra di mezzo. Esce per fare spazio a Inglese. 

71' Inglese 5 - Pochi palloni, poco anche il tempo per incidere sulla partita, non è in gran forma e quando il Parma trova il gol l'arbitro lo pizzicha in fuorigioco di rientro. 

Kulusevski 5 - Gioca un tempo, senza mai trovare la porzione di campo giusta dove azionare la sua tecnica. Lascia il campo a Scozzarella. 

46' Scozzarella 5,5 - Entra per dare un po' di ordine alla manovra, si mette in mezzo e cerca di fare legna e densità in una zona governata dalla Spal. 

Cornelius 5,5 - Gioco sporco, pochi palloni giocabili, non trova mai spazio e porta a casa una sola conclusione, di testa, troppo debole per impensierire Berisha. 

Gervinho 5 - Mai nel vivo del gioco, mai in grado di superare gli avversari, non riesce ad accelerare e a dare strappi. Doveva essere il giocatore in più, è uno dei tanti in meno. 

D'Aversa 5 - Atteggiamento passivo da parte dei suoi uomini, non trova mai il bandolo nè forse l'episodio giusto per rimettere a posto una gara nata male e finita peggio. Consegna la mediana alla Spal, finisce dentro al pressing di Semplici senza mai uscirne e anche in superiorità numerica non combina niente di buono. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I cinque migliori ristoranti per la pausa pranzo a Parma

  • Aeroporto, gli industriali ci mettono 8.5 milioni di euro: ecco i nuovi voli

  • È morto il 46enne investito da un ciclista in piazzale Picelli

  • Trova una ladra in camera da letto, la blocca e la fa arrestare: 26enne serba in carcere

  • "Buon viaggio Schinca": il ricordo degli amici del 40enne morto dopo lo schianto in moto

  • Fontanellato: 40enne morsa al polpaccio da una nutria

Torna su
ParmaToday è in caricamento