menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa

Foto Ansa

Ennesima rimonta, il Parma non sa più vincere: con lo Spezia finisce 2-2

I crociati passano in vantaggio, grazie al gol di Karamoh, raddoppio di Hernani, poi il tracollo. Anche se i gol dello Spezia arrivano su disattenzioni, la squadra di D'Aversa si abbassa troppo preso. Arriva puntuale la doppietta di Gyasi

Dal nostro inviato
LA SPEZIA – Finisce forse dove era cominciata la corsa del Parma, che butta via il 16esimo punto da situazione di vnataggio. Non basta più il 2-0, come contro l'Udinese, ma se non segni quando hai l'occasione, finisci per recriminare. 

Non basta il momentaccio, il penultimo posto in classifica e andare a trovare fortuna senza tre dei quattro attaccanti centrali. Si fa male anche Cornelius durante il riscaldamento, a D’Aversa non resta che pregare e mandare in campo Brunetta, nel ruolo di falso nueve. Ci mette un po’ a capire come muoversi, poi frana su Gyasi e l’arbitro lo sveglia con un giallo. Gli fa bene il provvedimento, perché da li in avanti qualcosa propone: come la palla tagliata in occasione del 2-0, quello messo a segno da Hernani. Il brasiliano ci mette la gamba, riesce a deviare – con la complicità di Provedel  - e a festeggiare con i compagni il raddoppio. Il primo gol l’ha segnato Karamoh, ed è un grandissimo gol. Entra in area di rigore, da destra, poi sterza e la piazza sul palo lontano. Lo Spezia del primo tempo piace per atteggiamento, palleggio e verticalità, o almeno per il desiderio di ricercarla. L’unico episodio da segnalare è al 40’, quando Maggiore scappa a Gagliolo su cross di Bastoni. E’ fuorigioco. Orsato annulla, il Parma ha costruito le occasioni migliori per andare in vantaggio (Mihaila scivola in area), e blindare il risultato (Brunetta si divora un pallone da spingere in gol). Niente, D’Aversa può stare contento, a patto che i suoi non si abbassino.  Come non detto, la lezione contro l’Udinese non è servita evidentemente, perché sul 2-0, al primo campanello, il Parma trema. Il gol di Gyasi sveglia i crociati dal sogno, per scongiurare la rimonta servirebbe il terzo gol, ma Mihaila, che ha il pallone buono un paio di volte, lo spara su Provedel. D’Aversa sente la paura, la palla scotta, l’allenatore del Parma pensa di poterla risolverla serrando le fila. Dentro Busi e Grassi, fuori Brunetta e Karamoh che non ne aveva più. Passaggio a tre in difesa, già scritto: ma Grassi esce male palla al piede, apre la strada al contrattacco, con Gyasi che firma la rimonta. Alla fine ci vuole un grande Provedel, per spezzare in gola l’urlo di Kucka.

-> Tutti i risultati sportivi dei campionati locali

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Attualità

Vaccino Moderna: Sda consegna oggi altre 21.600 dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento