menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vigilia contro il Sudtirol, D'Aversa: "Voglio vedere un atteggiamento diverso"

"Sono arrivato qui e ho trovato un clima triste. Adesso tocca a noi invertire la tendenza. Il modulo? Non è fondamentale, aiuta ma non è fondamentale"

Dal nostro inviato

COLLECCHIO - Roberto D'Aversa è gia proiettato verso la partita per Bolzano. Da sabato. Il tempo è poco e a disposizione non ha tantissimo materiale umano, ma deve fare con quello che ha, almeno per queste partite ravvicinate. "Saporetti ha recuperato, farà parte della trasferta. Quelli che scenderanno in campo non faranno sentire l'assenza di quelli che mancano. Inutile guardare al passato, ho provato Giorgino in allenamento come difensore centrale, lo può fare. In così poco tempo dare tante nozioni è difficile, ma ho cercato di curare i dettagli perché è fondamentale. A volte dare nozioni didattiche è fondamentale, non avendo tanto tempo per lavorare fino in fondo ho cercato di inculcare qualche concetto. Il sistema di gioco aiuta, ma in questo momento voglio vedere l'atteggiamento della squadra, che deve essere brava a vivere la partita sempre e a dare quello che possono fino alla fine. Tutti si sono allenati con la massima partecipazione e attenzione. Si riparte da zero e tutti partono dallo stesso livello. Mi auguro che continui questo atteggiamento per tutta la stagione. Il talento non basta. In questi giorni più nozioni riceviamo dai giocatori, prima si sistemano tutte le faccende. Ho voluto responsabilizzare i giocatori di esperienza, devono essere loro i primi a garantirmi un atteggiamento da professionisti. Il clima di tristezza nel mondo dello sport si può evitare, ci vuole atteggiamento positivo perché aiuta così. C'era aria di tristezza prima. Un po' tranquilla in alcune situazioni, frenetica in altre. Quando si va in campo bisogna essere sereni, altrimenti commeti errori. Con la serenità si provano anche le giocate. Nel calcio ci sono due fasi. Alla fase difensiva bisogna partecipare tutti, a quella offensiva pure. Ci muoviamo da squadra e quindi dobbiamo velocizzare il tutto. Entrare in corso d'opera non è facile, ci saranno tre partite ravvicinate e quindi dare molte nozioni potrebbe essere dannoso. Ci aspettiamo una squadra che varia, viene da risultati positivi, è una squadra organizzata ma se mettiamo in campo l'atteggiamento giusto i valori verranno fuori. Faggiano? Lo conosco bene, i risultati parlano per lui, ha creato tanto a Trapani, un professionista vero. Per la piazza di Parma è la soluzione migliore. Ha fatto di tutto per venire qui, quindi ha un grande senso di appartenenza. Non abbiamo avuto molto tempo a disposizione per fare dei test. La condizione fisica dipende anche da quella mentale e il fatto di stare bene mentalmente ti spinge a fare bene".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento