rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Sport

Tamponi e test per giocatori e staff: il Parma si prepara al 18 maggio

Al centro sportivo di Collecchio giovedì e venerdì sono giorno di visite mediche per la truppa di D'Aversa, concentrato sul ritorno in campo

Il Parma si prepara alla fase due: partiranno lunedì gli allenamenti collettivi in una Collecchio blindata, che aspetta il ritorno della truppa di Roberto D’Aversa, sempre in prima linea nel controllo del lavoro dei suoi in questi giorni di isolamento forzato. La squadra ha mantenuto vivo il tono muscolare, osservando i dettami dello staff tecnico che ha monitorato i calciatori molto da vicino: esercizi muscolari e dieta ferrea per evitare di perdere la forma da riattivare nel concreto attraverso gli allenamenti. Il protocollo interno del Parma è in vigore dal marzo, il club crociato è stato uno dei primi a utilizzarne uno che puntava su distanziamento sociale, sanificazione degli spazi e punti igiene sparsi ovunque, oltre al prelievo della temperatura all’entrata di Collecchio. Intanto, proprio al centro sportivo è cominciata la fase di controllo per coloro che si apprestano a rimanere blindati per due settimane, a partire dal 18 maggio: lunedì saranno attesi una cinquantina di persone tra staff tecnico, staff medico, magazzinieri, team manager e calciatori della rosa del Parma per entrare ufficialmente nella fase due in vista della data, quella del 13 giugno, designata dalla Lega Serie A per la ripresa del campionato.

Test per tutti, sotto il gazebo montato negli spazi del centro sportivo: un tampone drive through al quale si sono sottoposti Bruno Alves e compagni sotto la supervisione del coordinatore dell’area medica del Parma, Giulio Pasta. Venerdì sarà ancora una giornata dedicata ai test per i calciatori e lo staff tecnico: un secondo giro di tamponi al quale saranno sottoposti un po’ tutti,  prima di catapultarsi dritti nel ritiro blindato di Collecchio.

Alle stanze della foresteria, insufficienti a raccogliere singolarmente tutto il personale, sarà affiancata una struttura d’appoggio situata nei pressi del Centro Sportivo, un hotel a uso esclusivo del Parma che servirà ad accogliere il personale. Tutti in stanza singola, munita di doccia che servirà agli atleti anche per lavarsi di dosso il sudore dei primi lavori atletici, che precederanno quelli tattici. Tutti avranno l’obbligo di cambiarsi nelle proprie stanze, prima e dopo l’allenamento, ogni spazio nel frattempo verrà sanificato. Per evitare il sovraffollamento il gruppo sarà diviso all’ora di pranzo. Il ristorante e la sala mensa sarà ad uso esclusivo del plotone crociato, che beneficerà dei pasti cucinati e confezionati all’esterno. Si potrà scegliere in base a un menu dal quale ordinare il pasto e consumarlo all’interno del centro sportivo. Gli operatori che svolgeranno questa mansione non avranno alcun accesso alla sala pranzo, né alla cucina, per evitare il contatto con l’esterno entreranno dal retro. Tra un gruppo e l’altro gli spazi in comune verranno sanificati sia prima che dopo il pranzo, per permettere a chi ne usufruirà di potersi sentire sicuro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tamponi e test per giocatori e staff: il Parma si prepara al 18 maggio

ParmaToday è in caricamento