menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto D. Fornari

Foto D. Fornari

Teramo-Parma 0-0 | Un punto e tanta fatica

Continua il momento delicatissimo dei crociati che non vincono da quattro partite e non segnano da 413'

Dal nostro inviato 

TERAMO –  Continua l’astinenza del Parma che resta senza vittoria per quattro partite di fila. E senza gol. Da Teramo si porta via solo un punto, ma a fatica. Squadra stanca, poco lucida e senza cattiveria sottoporta. E l’occasione per blindare il secondo posto per poco non si trasformava nella quarta sconfitta consecutiva. Se solo Sansovini avesse aggiustato la mira. All’ultimo respiro anche Calaiò ha avuto la palla giusta, ma ha ignorato Nocciolini sciupando l’opportunità. Adesso bisogna vincere il derby per la classifica e per la sterzata decisiva.

Il Parma parte meglio rispetto alle ultime uscite. Roberto D’Aversa ha lasciato in panchina Lucarelli e Scozzarella, diffidati entrambi e preservati in vista di un derby bollente che vale tantissimo. Prima della partita con la Reggiana però c’è da portare a casa quella con il Teramo che è stata preparata in un clima teso dal quale i crociati hanno cercato di isolarsi con un ritiro di una settimana. Sul sintetico del Bonolis, la palla va veloce, occorre quindi avere testa fredda e piedi caldi. D’Aversa sceglie Corapi in mezzo al campo e Mazzocchi a destra nella posizione di terzino di solita occupata da Iacoponi che transita accanto a Di Cesare. A centrocampo Ciccio è stretto tra Munari e Scavone che al 27’ insacca di testa su una palla lunga di Scaglia. Peccato che l’arbitro veda una posizione irregolare. Il Parma c’è comunque e questa è una bella notizia. Prende le misure al Teramo che pure è partito forte dal punto di vista agonistico, lo tiene li cercando di imporgli il proprio gioco e prendendosi tutto il campo in ampiezza. Verticalizzazioni poche, grandi mischie e pochissimi rischi. In una di queste mischie, al 20’, Munari ci prova prima di piede, poi di testa, ma prima viene fermato sulla linea da Ilari, dopo dalla traversa. E’ un Parma sicuramente più aggressivo rispetto alle ultime partite, almeno c’è la voglia di lottare su tutti i palloni. I quasi 150 tifosi non potranno certo contestare ai tifosi la mancata voglia di giocare a calcio. Il problema è che non si verticalizza. Ma si gioca.

LE PAGELLE

Con il Teramo arroccato e pronto per ripartire, il Parma non fatica tanto a contenere quanto a costruire e ad andare in profondità. Gli esterni funzionano poco, si gioca come al solito di più da Baraye che su Nocciolini. Nel secondo tempo il Parma parte contratto, soffre le iniziative del Teramo che però la butta più sull’aggressività. Si gioca molto sulla sinistra, dove Baraye sembra essere in palla. Ugolotti lo capisce e cambia: dentro Masocco per Carraro e Fratangelo per Barbuti. Tatticamente poche modifiche, ma c’è bisogno di corsa e Ilari e compagni hanno speso tanto. Ma sembrano averne di più nella prima parte del secondo tempo. Frattali ha salvato su Sansovini dopoche i crociati hanno indietreggiato pericolosamente. Il Teramo tiene il campo meglio, e pure il pallone. Il problema del arma sembra riproporsi puntualmente: gestione pessima e troppa fretta di disfarsi della sfera senza una logica. I padroni di casa danno fastidio, hanno rinunciato a un centrocampista, Ilari, per Tempesti, che è un giocatore offensivo. Il Teramo va, il Parma si scioglie ma Baraye ha la palla giusta sul destro. Peccato che Narcisi fa il miracolo, ripetuto da Sansovini ma al contrario. A tu per tu con Frattali si divora il gol del vantaggio. E Calaiò fa lo stesso al 95’ ignorando Nocciolini che si era fiondato verso Narcisi.

LA DIRETTA

IL TABELLINO

TERAMO-PARMA 0-0

teramologo-2TERAMO (4-4-2): Narciso ; Sales , Caidi , Speranza , Karkalis ; Carraro (13' s.t. Masocco), Ilari (27' s.t. Tempesti), Amadio, Di Paolantonio;  Sansovini, Barbuti (13' s.t. Fratangelo) . A disp: Calore, Altobelli, Imparato, Scipioni, Baccolo, Mantini, Palladini, Fabrizi. All. Ugolotti


parma-logo-nuovo-2PARMA (4-3-3): Frattali; Mazzocchi 5,5 (45' s.t. Lucarelli ng),  Iacoponi, Di Cesare, Scaglia; Munari, Corapi (38' s.t. Scozzarella), Scavone; Nocciolini, Calaiò, Baraye. A disp: Zommers, Fall, Saporetti, Lucarelli, Scozzarella, Garufo, Nunzella, Ricci, Sinigaglia, Edera, Simonetti, Messina. All: D'Aversa


 

Abitro: Sig. Zanonato di Venezia

Note: Ammoniti: Iacoponi (P), Caidi (T), Di Cesare (P), Munari (P), Di Paolantonio (T) . Angoli: 3-2. Recupero: p.t. 1' -  s.t. 5'

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il Museo d’Arte Cinese di Parma protagonista alla Sapienza di Roma

  • Cronaca

    Prosciutto di Parma, 2020 anno nero: calano vendite ed export

  • social

    Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento