Parma, parla Sansone: "Grazie a Donadoni mi sento cresciuto"

L'attaccante parla del suo momento magico ed elogia il mister: "Ha vinto tanto da giocatore, mi aiuta e mi da consigli. Amauri? È venuto ad abbracciarmi dopo il gol"

Nicola Sansone esulta dopo il gol - Tm News Infopoto

Nicola Sansone, autore domenica scorsa del gol che ha regalato al Parma il meritato pareggio con la  Juventus, è stato protagonista della confernza di oggi nella sala stampa del centro gialloblù.   “Voglio fare ancora meglio – spiega a chi gli chiede come riesca a non montarsi la testa dopo l’ultima rete così importante –  . Non mi importa se i gol che faccio sono decisivi oppure no.  Certo, sono contento se segno e, se il Parma vince, lo sono ancora di più. Ma l’importante è che la squadra faccia la prestazione come è accaduto anche domenica scorsa”.  Cosa prova rivivendo il momento in cui ha siglato l’1-1 contro la prima della classe?  ”Una sensazione bellissima, una grande emozione, soprattutto pensando che affrontavamo la Juventus”. A proposito di Juve, l’esultanza sotto la curva bianconera ha già fatto di Sansone un idolo tra i tifosi crociati, è insomma entrato nella storia del club… “Nella storia non credo – sorride Nicola – . L’esultanza è una cosa che sogno sempre. Domenica ho fatto la linguaccia è vero, ma mi sembrava una cosa simpatica, non c’era certo l’intenzione di offendere nessuno. E poi la faceva anche Del Piero…” C’è rivalità con i compagni di reparto? “No,  spiega – l’attaccante -.  Amauri, che ha giocato in grandi squadre e fatto tanti gol,mi dà consigli, mi aiuta. E’ entrato in campo a esultare con me come io ero entrato in campo per esultare con lui e fargli i complimenti quando aveva segnato nel finale contro il Palermo. Siamo un grande gruppo, non c’è competizione tra noi. Siamo sempre felici se uno fa bene. Donadoni poi  è uno che da giocatore è stato fortissimo e  ha vinto tutto. Mi sta aiutando tanto e mi dà sempre tanti consigli”.  Questo entusiasmo non rischia di sfociare in euforia? Dopo la Juventus bisogna affrontare il Chievo, è bene rimanere concentrati: “Dopo aver fatto una grande partita come quella di domenica si corre sempre il rischio di abbassare la guardia e noi – conclude – non dobbiamo commettere l’errore di sottovalutare il Chievo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento