rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Sport

Vigilia contro il Frosinone, Pecchia: "Compattiamoci ancora di più"

L'allenatore del Parma in conferenza stampa: "Io continuo a essere fiducioso, poi i conti si faranno alla fine. Sono orgoglioso di quello che i miei ragazzi hanno fatto nell'ultima mezzora"

Le dichiarazioni dell’allenatore crociato Fabio Pecchia, durante la conferenza di presentazione del match contro il Frosinone, rilasciate nella sala stampa del Mutti Training Center di Collecchio.

IL MATCH CONTRO IL FROSINONE
“Sul Frosinone e Stirpe credo che abbiano fatto la storia della Ciociaria. E’ un territorio che è stato in grado di valorizzarlo da un punto di vista sportivo, perché ha ottenuto la Serie A e ha costruito uno stadio bellissimo, che deve essere un vanto per tutta la gente del posto. Ed è riuscito sempre ad abbinare le due cose, abbinando l’aspetto sportivo ed economico. E quindi adesso vedo una squadra che ha costruito nel tempo con merito, con lungimiranza, con qualità, che sta facendo qualcosa di straordinario dando continuità che gli ha permesso di fare ciò che sta facendo adesso. E’ una squadra molto bella che gioca a calcio e che vince le partite. Affrontiamo una squadra che ha estrema fiducia e consapevolezza, ma anche un ambiente molto bello. E noi dobbiamo compattarci ancora di più, un senso di unione, di forza e di gruppo. L’ambiente sarà bello, stimolante per tutti noi e noi abbiamo voglia di fare qualcosa di diverso. Sicuramente sarà una sfida stimolante, un confronto contro una squadra che fa cose fantastiche. E noi vogliamo misurarci. Il campo darà il suo verdetto, non so se è il momento giusto, ma abbiamo voglia di confrontarci con un rivale di primissimo livello”.

ANCORA PIU’ UNITI E PIU’ FORTI
“Parlare di numeri potrei buttare uno tsunami di statistiche con tante positive e tante negative. Ma questo conta poco, perché dobbiamo guardare alla squadra e alla classifica e pensare alla partita di domani. Tutti i numeri contano poco, ora conta quello che il Parma deve fare in campo. E la squadra deve essere ancora più unita, ancora più compatta, ancora più forza, e deve giocare per vincere le partite. Io continuo a essere fiducioso, poi i conti si faranno alla fine. Certo è che quando le partite sono contro squadre che vogliono proporre, sono sempre state partite diverse. E quindi domani sarà una partita diversa rispetto ad Ascoli e Genoa, sarà una squadra più verticale e più veloce. Dovremo avere fiducia nelle nostre qualità, dobbiamo giocare per il massimo della posta. Questo deve essere e ho fiducia nei ragazzi. Non siamo perfetti, ci sono delle carenze e delle difficoltà. Ma non ne voglio parlare. Voglio che stiamo dentro il lavoro e il nostro percorso. Questo mi fa pensare in maniera positiva nei confronti dei ragazzi. La fiducia deve essere anche quando le cose non vanno bene”.

LA VOGLIA DI MIGLIORARSI
“Sono orgoglioso dei 30 minuti finali fatti contro l’Ascoli che io devo analizzare più nel profondo, senza farmi condizionare da quello che se si vince è tutto positivo e se si perde è tutto negativo. I ragazzi, con grande voglia e idee chiare negli ultimi 30 minuti, mi hanno reso orgoglioso di quello che hanno fatto. Poi tutto il resto non conta nulla. Non siamo una squadra perfetta, commettiamo degli errori, io in primis. E’ chiaro che noi dobbiamo lavorare su questo, altrimenti non saremmo in questa situazione. Lavoriamo quotidianamente con la voglia per migliorarci ancora di più”. 

DELPRATO SI’, BENEK NO
“Baez ha dato un grande contributo l’anno scorso, ha caratteristiche specifiche ed è un giocatore di velocità come del resto tutti i calciatori offensivi del Frosinone, perché gioca in modo molto verticale. Nostra è stata una settimana molto intensa, molto viva. Enrico Delprato è con noi, mentre l’unico che non ha recuperato dalla febbre è Benek”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigilia contro il Frosinone, Pecchia: "Compattiamoci ancora di più"

ParmaToday è in caricamento