menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto D. Fornari

Foto D. Fornari

Vigilia contro la Lucchese, D'Aversa: "Speriamo che il Tardini ci spinga"

"Lucarelli? Merita il saluto del suo pubblico ma non posso compromettere la partita né la sua prestazione. Corapi? Vive un periodo straordinario di forma"

Dal nostro inviato

COLLECCHIO - L'ultima partita al Tardini potrebbe essere anche l'ultima di Alessandro Lucarelli. Si spera non sia l'ultima per il Parma che si gioca la sfida con la Lucchese al completo. "Affrontemo una squadra che ha superato due turni di Play Off, che avrà entusiasmo e voglia di giocare. Dovremo essere bravi a sfruttare i loro limiti e le nostre qualità". Lucarelli giochera? "Lucarelli ha fatto pochissimo con il gruppo, si allenerà con la squadra e vedremo se utilizzarlo o meno. Iacoponi e Munari hanno recuperato e l'unico indisponibile è Garufo che si è infortunato in settimana durante gli allenamenti. Per me Lucarelli è un giocatore importante, di carattere che mi ha dimostrato tantissimo. Merita il saluto del suo pubblico ma c'è anche una partita e un obiettivo. Non dobbiamo compromettere né la sua partita né quella della squadra. Corapi? Per un allenatore avere giocatori a disposizione ti permette di fare delle scelte e di avere un ventaglio ampio. Questa è la dimostrazione che non c'è niente di scontato nel calcio e lui sta vivendo un grandissimo periodo a livello fisico. Sarà un tipo di partita molto simile a quella di Piacenza, sta a noi essere pronti mentalmente a dover soffrire. Mi auguro una situazione ambientale come quella con la sfida di Piacenza perché con un Tardini così non ci sarà nessun vantaggio per gli avversari".

Che squadra è la Lucchese? "E' una squadra che utilizza il 3-5-2 ha due giocatori bravi davanti, ho allenato De Feo a Lanciano, un giocatore tatticamente bravo. Subisce pochi gol e dobbiamo sfruttare le situazioni dobbiamo vincere giocando con passione, vincendo contrasti e duelli, essere lucidi e razionali nella fase offensiva. Dobbiamo ragionare nell'arco dei novanta minuti con grande lucidità. Il pensiero e l'augurio è quello di cercare di fare un piccolo passo in avanti già domani, ma sono partite che durano 180 minuti, dobbiamo capire cosa fare e quando farlo, senza ansia e frenesia. A differenza della sfida contro il Piacenza dove noi potevamo giocare con due risultati su tre, questa volta sono loro a giocare con questa condizione. Sarà una condizione favorevole a loro". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma scongiura la zona rossa: restiamo arancioni

  • Cronaca

    Covid, record di casi a Parma: + 234 e 5 morti

  • Cronaca

    Parma in zona rossa: oggi si decide

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento