Mercoledì, 22 Settembre 2021
Sport

Vigilia contro la Roma, D’Aversa: “Non possiamo più commettere passi falsi”

Il tecnico del Parma in conferenza stampa: “Troppi errori individuali, ma la squadra ci crede e mancano ancora 12 gare”

Roberto D’Aversa -foto Ansa

Si è costretti a vincere per sperare. D'Aversa sa anche che potrebbe non bastare, ma ribadisce un concetto fondamentale in conferenza stampa: "Basta passi falsi". E sarebbe ora anche di alzare l'asticella dell'attenzione. "Purtroppo commettiamo ancora errori, ho preparato la partita con la Roma, una squadra forte piena di giocatori tecnici e fisici, partendo dalla partita di Reggio Emilia con il Sassuolo. Fonseca è un allenatore molto bravo, preparato. Ha proposto bel gioco, ha migliorato la fase difensiva. Sono forti". Lo sa anche Krause, che conosce il momento ma non si abbatte, anzi: "Lui è il primo che ci porta entusiasmo, positività. Deve esserci compattezza in questo momento, stamattina è arrivato dall'America con la moglie, ci ha portato energia. Lui è il primo convinto che possiamo salvarci". 

È convinto anche D'Aversa, che deve però rinunciare a Gervinho. "I convocati sono tutti a disposizione, ma c'è da valutare il minutaggio. Domani ci sarà la possibilità di utilizzare giocatori dei quali dobbiamo valutare solo il minutaggio, ci sono giocatori che rientrano dalla squalifica come Bani e che sono pronti. Davanti ci sono Pellé o Zirkzee e vedremo chi potrà partire, o se faremo scelte diverse". Gli infortuni però minano le certezze, quelle poche rimaste. Sono sessanta, anzi di più, quelli che hanno travolto il Parma. "Sicuramente la mancata preparazione ha influito, ma non solo per noi, per tutti - in riferimento a Gervinho -. E' una problematica che abbiamo un po' tutti e quando le cose non vanno bene ti vanno a colpire sempre nello stesso reparto. La settimana scorsa era l'attacco, ora la difesa. Ma non deve essere un alibi. Cerchiamo di fare le cose nel mglior modo possibile ma non sempre può bastare ad evitare infortuni, curando alimentazione, riposo post gara. Tutto". 
 

Capitolo Sepe, è stata una settimana complicata, dopo Firenze: "L'ho visto bene - dice D'Aversa -. Ha commesso un errore come li commettiamo tutti. L'aspetto mentale deve essere di serenità e tranquillità, ma se pensiamo che non abbiamo portato a casa la vittoria solo per l'errore di Gigi commettiamo tutti un errore. Dobbiamo essere tutti attenti e limitare gli errori individuali. La squadra ha fatto una grande partita a Firenze, contro una squadra forte sulla carta. Dobbiamo crederci, perché mancano 12 partite: sarà un impegno difficile, contro una squadra forte come la Roma. Ma non vedo perché non provare a recuperare.

C'è rammarico per l'ennesima occasione sfuggita, ma ci deve essere consapevolezza che si può ancora raggiungere l'obiettivo. In settimana ho presentato la partita con la Roma partendo da Sassuolo: dobbiamo far di tutto per far si che le cose non succedano. A Firenze non si è non vinto solo per Sepe: sul primo gol abbiamo perso la marcatura, si poteva evitare l'angolo, sul terzo era una palla in uscita con la squadra che è salita. A prescindere da tanti motivi dobbiamo essere bravi a ragionare solo ed esclusivamente sulla gara perché non ci possiamo più permettere passi falsi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigilia contro la Roma, D’Aversa: “Non possiamo più commettere passi falsi”

ParmaToday è in caricamento