menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma, parla Amauri: "Ci sono altre sei gare e nulla è ancora perduto"

"Partiamo dalle cose buone che abbiamo fatto vedere durante la partita dell'Olimpico. Sabato sera affrontiamo una squadra che non mollerà nulla. Sarà difficile ma dovremo dare il massimo per tirarci fuori"

La pioggia batte al Tardini, cade incessante. Il terreno non è pesantissimo, Colomba ci tiene a fare bella figura in casa contro l'Inter e allora testa il campo dove i suoi saranno chiamati a fare una grandissima prestazione.

CAMPIONATI DIVERSI - Chissa come arriverà l'Inter di ritorno dalla Germania. La Champions ha salutato i detentori proprio ieri sera, ma la voglia di rivalsa che c'è nel Parma, ci sarà anche tra i nerazzurri, Amauri lo sa. "La partita è una di quelle difficilissime, sappiamo inoltre che il nostro non è un buon momento, ma dobbiamo impegnarci al massimo per invertire la rotta. Qualche rammarico lo avranno si, uscire da una competizione importante non è bello, ma loro sono in corsa ancora per il campionato, noi siamo in corsa per il nostro invece, che è qualcosa di diverso". Un campionato sorprendente, se si considera che le aspettative della stagione erano altre. Ma ora non c'è tempo per rimpiangere il passato. "C'è bisono dell'aiuto di tutti per uscire fuori da una situazione complicatissima. Abbiamo bisogno di allegria, vogliamo intorno a noi tifosi che ci spingono e ci invogliano a lottare. Ripartiamo da quanto di buono abbiamo fatto all'Olimpico".

ERRORI E CORRETTIVI - Amauri riparte da qualcosa che lo fa ben sperare in vista dell'Inter. "Una reazione dopo il gol di Hernanes c'è stata, il Parma ha fatto vedere di essere vivo. Proprio oggi abbiamo rivisto la partita e abbiamo capito dove abbiamo sbagliato e dove possiamo migliorare. Non è stata la mia miglior partita, ma possiamo considerare questo come un incidente dipercorso, spero di rifarmi con l'Inter. Abbiamo avuto molte opportunità, ci sono stati molti cross e molte ripartenze, mi fido delle sensazioni positive che ci sono nello spogliatoio. Abbiamo ancora un  punto di vantaggio sul Cesena che è nella zona rossa, ma sei partite per aumentarlo sono tante. Non bisogna mollare nulla, bisogna essere aggressivi e lottare su ogni pallone".

QUALCOSA MANCA - Ecco, proprio ciò che non si è visto durante il secondo tempo contro la Lazio. Forse un pizzico di cattiveria in più servirebbe eccome in questa fase di campionato, considerando che le altre  corrono fino alla fine. "Dobbiamo impegnarci si, siamo consapevoli di dover dare tutto quello che abbiamo. Le nostre concorreni stanno facendo bene e noi dobbiamo fare altrettanto. A prescindere da quale sarà il mio prosieguo, vorrei rivedere la squadra in A anche il prossimo anno. Nel calcio non ci sono partite difficili o facili, il Bari insegna". Allenamento al Tardini che vede presente anche Hernan Crespo che dovrebbe essere a disposizione.  Amauri è contento di questo e benedice un suo possibile ingresso dal primo minuto. "Fa piacere avere al fianco uno come Crespo, aiuta e ti fa sentire più sicuro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma scongiura la zona rossa: restiamo arancioni

  • Cronaca

    Covid, record di casi a Parma: + 234 e 5 morti

  • Cronaca

    Parma in zona rossa: oggi si decide

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento