menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma, parla Paci: "Una gara difficile per noi ma anche per loro"

"Vogliamo fare bene davanti ai nostri tifosi in una partita che non è decisiva, ce ne sono dieci e conta giocarle al meglio, con la grinta e la determinazione giusta per tirarci fuori dalla zona salvezza"

'Lattesa è quasi finita, manca poco per la gara di domenica sera al Tardini. Arriverà un Napoli carico, che viene da un periodo un pò timido, soprattutto dal punto di vista del gioco. Non si sa se questo è buono per il Parma di Marino, chiamato all'impresa, o quasi.

UNA DELLE DIECI FINALI - La settimana di allenamento si conclude domani con l'ultima seduta agli ordini di Marino, ma Paci prova a tirare le somme già a partire da oggi. "Stiamo bene, sia fisicamente che dal punto di vista mentale, siamo carichi. Sappiamo di affrontare una gara difficile, ma nulla di più. Ha lo stesso coefficiente di difficoltà delle altre, è una delle dieci finali s cui noi ci stiamo preparando al meglio". Al rientro dopo la squalifica troverà un cliente ostico, come Lavezzi. "Dobbiamo mantenere la massima calma, ci vuole una grande attenzione perchè giochiamo contro una squadra forte che ha nell'attacco una delle sue armi migliori. Speriamo di fare una grande parita".

POLEMICHE E RICORDI - Impossibile non pronunciarsi su quanto accaduto in settimana, una settimana vibrante per le polemiche scatenate da De Laurentis sull'arbitraggio reo di aver penalizzato il suo Napoli. "Spero non si trasmettano sul campo, renderebbero lo spettacolo meno bello". dici Napoli e ritornano i fantasmi della stagione della retrocessione. Paci c'era. "Quella era certamente na gara più decisiva, un'ultima spiaggia. C'era molto meno tempo ad arrivare alla fine del campionato. Qui restano dieci partite. Comunque - continua - penso che questo non sia il momento di lasciar spazio a quei ricordi, se non per fare memoria degli errori fatti allora, come il troppo nervosismo, e guardare avanti con atteggiamento positivo".

UN GIRONE FA - Ma senza andare troppo lontano nel tempo, Napoli evoca anche ricordi vicini. Un girone fa ci fu la gara della svolta. "Da allora è cambiato molto. Dopo la sconfitta di Napoli, siamo andati in ritiro, ci ha fatto bene perchè sono arrivati punti e buon gioco. Vittorie importanti come contro la Samp, il Bari, l'Udinese. Abbiamo fatto vedere qualcosa di buono. Non siamo riusciti a dare la giusta continuità ai risultati. Ora dobbiamo svegliarci e fare un campionato migliore nel finale e dobbiamo tirarci fuori da una zona che non ci compete. A volte commettiamo errori di foga, di agonismo che ci fanno finire le partite in dieci, ma questo è segno che c'è la voglia di lottare". Domenica il Parma avrà un vantaggio, quello di sapere i risultati delle altre squadre. Per Paci "serve a poco, non possiamo permetterci di guardare gli altri, dobbiamo pensare a noi, fare le nostre dieci finali con il coltello fra i denti".

NON SI VIVE DI SOLO CALCIO - "Nelle ultime due settimane a Collecchio prima sono venuti i ragazzi di una scuola primaria di Parma, poi i ragazzi disabili di una cooperativa sociale. Questi incontri ci danno tanto, ci regalano un sorriso. Soprattutto in un periodo come questo per il Parma. Ci fanno riflettere. Fare qualcosa per la felicità degli altri - conclude Paci - ci rende, a mio avviso, persone migliori. Il sorriso dei ragazzi è sempre bello, dobbiamo essere di esempio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento