menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

VISTA DALLA CURVA | Onore a chi ha venduto cara la pelle

Il viaggio in Nord continua

Parma – Juve peccato l'epilogo, onore ha chi ha venduto carissimala pelle. Il Parma esce sconfitto due a uno ma può guardare con ottimismo al futuro, il pubblico del Tardini, la città di Parma forse dovrebbero riflettere su cosa significhi attaccamento ai nostri colori. Il match contro la Juve , prima che sul campo si è giocato sugli spalti e prima ancora lungo le strade della città: più che un classico degli anni novanta una vera e propria “caccia” all'avvistamento di Cristiano Ronaldo: in stazione, davanti al suo hotel ed infine in campo, peccato soltanto che l'asso portoghese abbia bidonato tutti apparendo come un carneade qualsiasi in mezzo al prato verde. La partita comincia subito male: nemmeno il tempo di cominciare a cantare che Mandzukic sfruttando un rimpallo regala il vantaggio ai gobbi. I nostri provano a reagire e nel giro di pochi minuti ingabbiano le trame bianconere e iniziano a ribattere colpo su colpo. La partita sugli spalti non decolla, anzi non succede proprio nulla: i supporter juventini appaiono disuniti, addirittura comici quando imbastiscono una sciarpata che nessuno segue mentre anche i boys e l'intera curva nord sono paralizzati dall'andamento del match e insolitamente silenziosi, nemmeno un coro degno di nota nei primi quarantacinque minuti, nemmeno un insulto colorito in tutti i novanta minuti…peccato.

Chi invece sul campo è sul pezzo è il nostro Parma: Gervinho dimostra il suo potenziale con alcune accelerate ma raggiunge l'obiettivo massimo quando è abile a sfruttare una spizzata del generosissimo Inglese per realizzare il momentaneo uno a uno. Delirio in Nord atmosfera cupa negli altri settori. La ripresa comincia con la Juve che attacca a testa bassa, Allegri vuole vincere ed inserisce anche i rincalzi: Dybala e Duglas Costa, D'Aversa risponde inserendo Da Cruz ed è tutto dire riguardo alla differenza tecnica tra le due squadre. Proprio nel momento di stanca della partita Matuidi, un autentico campione, scarica un missile terra-aria verso la porta crociata: due a uno juve e buonanotte a tutti. I nostri provano a reagire ma i bianconeri chiudono ogni spiraglio e non corrono più alcun pericolo. Finisce due a uno, finisce tra gli applausi meritati del Tardini, finisce con la consapevolezza che lottando così la salvezza è più che possibile.

Ps: duole dirlo ma stasera la Nord è bocciata, pochi cori e pochi sfottò, ottimi solo gli applausi alla squadra a fine partita.

Ps2: Cr7 starà iniziando a capire che Chievo, Parma… non  sono il Levante o lo Sporting Gijon …vabbè la cosa non mi riguarda e nemmeno m'interessa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto: da Parma nuovi voli verso Olbia

Ultime di Oggi
  • Sport

    Altro tonfo, il Parma perde partita e speranze di salvarsi

  • Cronaca

    Covid, salgono i contagi: quasi 200 in 24 ore

  • Cronaca

    Parma torna arancione: ecco cosa cambia da lunedì

  • Cronaca

    Vaccino: al via le prenotazioni per chi ha dai 70 ai 74 anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento