rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Volley

Wimore, inatteso scivolone a Ravenna

I gialloblù, sorpresi in avvio, si ritrovano sotto di due set poi rimontano fino al tie-break dove cedono 15-12 alla Consar e subiscono l’aggancio di San Martino al secondo posto

Tie-break ancora amaro in trasferta per la WiMORE Energy Parma che dopo San Martino si arrende di misura (25-22, 25-21, 20-25, 13-25, 15-12) anche in casa della Consar Ravenna terzultima in classifica e fino alla vigilia a secco tra le mura amiche. Ma il ko rimediato nel nono turno del campionato nazionale di Serie B fa decisamente più male, innanzitutto perché costa l’aggancio alla piazza d’onore da parte degli stessi reggiani, avanti per il quoziente set, e poi era totalmente inatteso, figlio di una prestazione sottotono e infarcita di disattenzioni di fronte ai giovani romagnoli che, galvanizzati dal buon inizio, hanno difeso tantissimo e esaltato i loro attaccanti meritando, nel complesso, la vittoria. Da salvare la solita reazione di carattere che ha permesso di rimontare il doppio svantaggio prima di alzare bandiera bianca nel finale e accontentarsi di un solo punticino che resta una magra consolazione. Coach Alberto Raho conferma il sestetto base con Boschi al palleggio, l’opposto Bartoli, il duo Cuda-Maletti in banda, Bussolari e Gentile al centro e il libero Andreini, il collega De Marco, privo di Falzaresi e Orioli, si affida alla diagonale palleggiatoreopposto formata da Mancini e Ricci Maccarini, agli schiacciatori Baroni e Pascucci, ai centrali Boscherini e Santoni e, infine, a Lolli nel ruolo di libero che danno l’impressione fin da subito di esser in giornata. L’ace di Pascucci (0-2) è un primo campanello d’allarme seguito dal muro di Mancini (2-5) in un tentativo di fuga stoppato da Maletti (6-6) e dall’ace di Bartoli (7-6). Il muro di Cuda (9-7) costringe Ravenna a chiamare il primo time out e la mossa produce due punti consecutivi di Baroni (11-11) pronto a rintuzzare il mini break di Bussolari sotto rete (14-12) e ribaltare di nuovo la situazione (15-16) consolidata da Pascucci (15-17). Gli errori al servizio di Parma e le difese dei padroni di casa non consentono di colmare il gap nemmeno dopo l’interruzione del gioco in seguito al muro di Baroni (19-22) che precede gli inserimenti di Ferraguti e Schivazappa rispettivamente al posto di Maletti e Gentile. Ed è proprio il neoentrato Ferraguti con due attacchi a stretto giro di posta a riaccendere le speranze spente dalla parallela di Pascucci (22-25). A far ancora più scalpore è l’inizio choc nel secondo set, quando Ravenna si porta sopra 1 a 5 grazie al muro di Santoni in un divario ingigantito dagli aces di Santoni (2-8) e Ricci Maccarini (4-10) che mandano in affanno la ricezione dei ducali. Codeluppi entra per Maletti, Colangelo sostituisce Boschi in regia in un momento ancora favorevole alla Consar che vola addirittura sul 4-12 ridotto, in parte, dalla serie al servizio dello stesso Codeluppi (7-12). Baroni da seconda linea (8-15) e Pascucci in diagonale (9- 17) arrotondano il risultato (nel frattempo Raho richiama in causa Schivazappa al centro) che si mantiene pressochè inalternato fino al 15 a 24 e al successivo filotto dalla linea dei nove metri di Cuda spezzato dall’attacco vincente di Ricci Maccarini (21-25) alla settima palla set. La musica non cambia nemmeno in principio di terzo parziale (c’è ancora Colangelo a dirigere la squadra) in cui Bartoli risponde al muro di Boscherini (7-7) e l’allungo di Pascucci (7-9) è cancellato dal primo tempo di Bussolari (10-9). Mancini a muro regala l’ennesimo sorpasso (12-13) poi l’equilibrio è rotto da Colangelo (21-19) e dalle giocate di Bartoli (23-20) e Cuda (25-20), autori di 25 punti a testa, che accorciano le distanze e riaprono i giochi. Sulle ali del ritrovato entusiasmo il quarto set è a senso unico fin dai primissimi scambi: Bartoli (3-1) e Cuda (7-2) fanno la voce grossa assieme a Colangelo a muro (8-2) poi al resto provvedono le imprecisioni di Ravenna (10-2) che prova a rientrare solo per un attimo (13-7) ma molla la presa alla distanza concedendo a Cuda il pallonetto del 25-13 che vale il 2 a 2 e l’epilogo al tie-break. Dove l’ace di Maletti (2-0) rappresenta il miglior viatico ma il tocco di Baroni e l’ace di Pascucci rimettono tutto in discussione (2-3) in una fase d’incertezza risolta dall’ace di Boscherini (6-8) al cambio campo. Il time out di Parma (8-10) non frena la maggior costanza e freschezza dei ravennati raggiunti da Bartoli (12-12) ma capaci di infilare tre punti in stecca, l’ultimo di Ricci Maccarini in diagonale, che significano un successo insperato e sorprendente ma del tutto legittimo.

Il direttore tecnico della WiMORE Energy Volley Parma, Alberto Raho, in panchina per la quinta volta, si sofferma sui meriti della Consar Ravenna ma anche su cosa non ha funzionato al di qua della rete. “Sicuramente loro sono una squadra difficile da studiare, ci hanno preso alla sprovvista. Onore al merito perché hanno fatto un’ottima partita, noi eravamo riusciti in parte a riagguantarli però sul finale ci siamo dovuti arrendere. Nei primi due set sono mancati grinta e muro difesa poi nel secondo set e anche al tie-break abbiamo ricevuto molto male e questo probabilmente ci ha impedito di sfruttare tutte le nostre possibilità al contrario degli avversari che su qualsiasi palla riuscivano a difendere bene e in contrattacco erano micidiali, soprattutto, nel set iniziale. Ci hanno aggredito dall’inizio alla fine come mi aspettavo potesse succedere, a maggior ragione, in casa loro, sono stati veramente bravi. Dico bravi anche ai ragazzi entrati dalla panchina: Colangelo si è messo in mostra, a parte un’incertezza nel quarto set completamente ininfluente per il resto ha distribuito bene, capitan Codeluppi e Schivazappa sul finale hanno dato il loro supporto. Se c’è una nota positiva è che chi è entrato in corsa ha dimostrato di avere delle buone capacità senza nulla togliere a tutti gli altri. Maletti ha avuto alti e bassi ma nel finale contavamo su di lui perché comunque ha saputo riprendersi, le cose positive le possiamo vedere ma è ovvio che se guardiamo il bicchiere in questo momento ci sembra mezzo vuoto. La sconfitta brucia, perdere due punti ci brucia tanto, soprattutto, per il fatto che potevamo portare a casa almeno la vittoria e adesso dovremo lavorare ancora di più. E’ un’occasione persa in ottica classifica, Mirandola è scappata via e ora diventa più dura: mancano un paio di partite alla fine del girone d’andata e dobbiamo cercare di fare più punti possibili nelle prossime due sfide. Abbiamo avuto degli scivoloni in ricezione che devono essere assolutamente attenuati poi bisogna avere più ritmo nella fase break in modo tale da esser più attenti in copertura e sacrificarsi di più per quelli che stanno attaccando e si sentono più tranquilli, potendo rendere molto meglio, se sanno che dietro c’è una squadra. Dobbiamo avere tanta grinta in copertura e in difesa, è quello che fa vedere una squadra forte”. L’ultima partita del 2021 è in programma sabato 18 dicembre alle 17,30 in casa di Moma Anderlini, sconfitta per 3-1 dalla capolista Mirandola e ora al settimo posto in classifica.

Qui, di seguito, il risultato ed il tabellino della partita tra Consar Ravenna e WiMORE Energy Parma valida per la nona giornata del girone E del campionato di Serie B maschile:

Consar Ravenna-WiMORE Energy Parma 3-2 (25-22, 25-21, 20-25, 13-25, 15-12)

CONSAR RAVENNA: Mancini 7, Ricci Maccarini 19, Pascucci 12, Baroni 22, Boscherini 5, Santoni 7, Lolli (L), Minniti, Ventisette (L). N.e. Tomassini, Bovolenta. All.: De Marco-Rossi

WiMORE ENERGY PARMA: Boschi, Bartoli 25, Cuda 25, Maletti 7, Bussolari 10, Gentile 2, Andreini (L), Ferraguti 2, Schivazappa, Codeluppi 1, Colangelo 3. N.e. Barbieri (L), Muroni. All.: Raho-Civillini ARBITRI: Luca Porti (Urbania)-Rosalba Santoniccolo (Sant’Angelo in Vado)

RISULTATI NONA GIORNATA GIRONE E SERIE B: Niagara 4 Torri-National Transport Villadoro 0-3 (21-25, 20-25, 20-25) Modena Volley-Viadana Volley rinviata Consar Ravenna-WiMORE Energy Parma 3-2 (25-22, 25-21, 20-25, 13-25, 15-12) Ama San Martino-Querzoli S.Volley Forlì 3-0 (25-22, 25-14, 25-20) Sab Group Rubicone-Kerakoll Sassuolo 3-1 (25-19, 27-25, 22-25, 25-20) Stadium Mirandola-Moma Anderlini 3-1 (25-19, 20-25, 25-23, 25-16)

CLASSIFICA GIRONE E: Stadium Mirandola 24; Ama San Martino, WiMORE Energy Parma 19; Nat.Transport Villadoro, Viadana Volley* 16; Sab Group Rubicone 15; Moma Anderlini 14; Querzoli S.Volley Forlì 13; Kerakoll Sassuolo 10; Consar Ravenna 8; Niagara 4 Torri Ferrara 4; Modena Volley* 1. *una gara in meno

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Wimore, inatteso scivolone a Ravenna

ParmaToday è in caricamento