“storia di una regina senza regno” a casa azzurra

Il libro di Maria Chiarello Costa edito da PAV Edizioni torna Sabato 15 febbraio presso L’Associazione Traumi di Corcagnano (Parma).

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

La Regina sta per tornare. Il secondo appuntamento con Maria Chiarello Costa e la sua “favola per adulti” “Storia di una Regina senza Regno” (PAV Edizioni) è fissato per Sabato 15 febbraio 2020 alle ore 17.30 presso Casa Azzurra – Associazione Traumi (P.le Municipio 7/A – Corcagnano PR). “La scelta di Casa Azzurra – ha dichiarato l’autrice – non è casuale perché il mio racconto è incentrato sulla ‘rinascita’ e il recupero dopo un grosso trauma emotivo. Casa Azzurra si occupa di persone che hanno subito traumi e che devono ricominciare a vivere, proprio come la mia Regina Senza Regno. Devono riconquistarsi un posto nella società, devono recuperare le forze per trovare un nuovo equilibrio nella loro vita che è cambiata per sempre”. Ecco perché Maria Chiarello Costa ha voluto essere accompagnata da Casa Azzurra in questo suo secondo evento pubblico, al quale interverranno ancora le giornaliste Cristina Guerranti e Anna Celenta, quest’ultima in rappresentanza della PAV Edizioni. Ci sarà, però, anche un nuovo ospite d’eccezione: il maestro Paolo Borgognone, giornalista e critico musicale, mentore della Chiarello, il quale spiegherà l’approccio dell’autrice alla stesura di questa sua prima opera letteraria. Il libro In una cornice medioevale “Storia di una Regina senza Regno” ci racconta una storia di oggi, “diversa” per tanti, ma comune per altri. Regina è una giovane donna dal cuore puro che vive, come chiunque, il suo regno d’amore fatto di sogni, desideri e speranze. Fin quando, una notte d’inverno, uno spietato complotto ne distrugge l’armonia. Tutto quello che ne consegue porta solitudine, pregiudizi, arroganza, depressione e indifferenza sociale. Tuttavia, per la donna ci deve essere ancora qualcosa che l’aiuti a vedere uno spiraglio di luce nella notte del nuovo regno. Deve trovare un modo per risalire nei colori della vita per lei, per la sua piccola Giada e per tutti quelli che vivono nel deserto della diversità e nell’impossibilità di realizzare i loro sogni. L’autrice, con un linguaggio semplice e fiabesco, esplora il complesso mondo interiore di tutti e di ognuno. I singoli episodi della storia sono il punto di partenza per dare un significato a frequenti avvenimenti della vita. Con lo scopo di (ri)trovare l’amore dove sembra non esserci più o dove non c’è mai stato. L’autrice Maria Chiarello Costa è nata negli anni settanta a Castrovillari e vive a Parma. È laureata in Scienze Politiche presso l’Università Aldo Moro di Bari, dove ha studiato anche Economia. Ha lavorato in diversi settori tra cui quello amministrativo e formativo. Ha la passione per la psicologia e la sociologia. Maria è la vedova di un giovane giornalista, Francesco Saponara, venuto a mancare pochi giorni dopo che Maria aveva dato alla luce la loro tanto desiderata bambina. A Francesco è dedicata la scelta d’intraprendere questo nuovo percorso. L’editore PAV come Pietro Molinaro, Aurora Di Giuseppe e Vincenzo Mazza, rispettivamente presidente, coordinatrice editoriale e direttore editoriale. Sono i fondatori, l’anima e il volto della PAV Edizioni, una giovane casa editrice in continua crescita. Il successo della PAV Edizioni, che ha sede a Pomezia (Roma), è dato dalla capacità di fare incontrare, raggruppare e organizzare gli appassionati della scrittura e, ovviamente, della lettura. PAV Edizioni non usufruisce di contributi privati né pubblici, ma “semplicemente” si fonda sulla passione che spinge Pietro, Aurora e Vincenzo a continuare, alimentando la propria voglia di non mollare mai. La PAV Edizioni, infatti, è un’Associazione Culturale nata per volontà di un gruppo di persone che crede ancora nella buona e sana editoria, con l’obiettivo di impegnarsi quotidianamente nella lotta contro le case editrici a pagamento. Il comitato direttivo e i soci sono saldamente uniti dalla passione per la letteratura, poiché non c’è avventura più bella della scrittura e della voglia di “scoprire” autori emergenti e talentuosi che vivono l’esperienza dell’Associazione con un grande senso di coesione, impegno e appartenenza.

Torna su
ParmaToday è in caricamento