Domenica, 13 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rete diritti in casa: "Più di 300 famiglie senza casa, e la situazione è destinata a peggiorare"

Uno dei rappresentanti di Rete diritti in casa, Filippo Adorni: "Non vedo nulla di buono dopo l'incontro in Prefettura". Intanto riapre il dormitorio del Cornocchio

Dopo quasi due settimane di presidio in tenda, i rifugiati dormono ancora davanti al Duc. La buona notizia è che dopo l'incontro riaprirà il dormitorio del Cornocchio. Ma l'emergenza abitativa si protrae, attraverso la Rete diritti in casa continua il percorso 'Tende in movimento'.  Davanti alla Prefettura una delegazione è stata ascoltata dal Prefetto. Filippo Adorni, rappresentante della Rete Diritti in casa dopo l'incontro in prefettura. 
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA PRECISAZIONE DEL COMUNE - Il Comune di Parma fornisce alcune precisazioni in merito alle persone che pernottano nelle tende nel prato antistante l'ingresso del Duc. Nelle scorse settimane abbiamo preso atto che un gruppo di persone risultava in estrema emergenza abitativa trovando riparo sotto ai ponti di Parma e che, a scopo dimostrativo, riteneva di manifestare il disagio e la situazione emergenziale dormendo nelle tende di fronte al Duc.

Tale situazione di emergenza si è venuta a creare a causa della chiusura del dormitorio invernale del Comune di Parma, l’imminente chiusura del Dormitorio straordinario di via Toscana del Comune di Parma che ha significato un programmato calendario di dimissioni e il funzionamento ridotto/chiuso dei dormitori maschile e femminile della Caritas.

A fronte di tale situazione che non riteniamo assolutamente “dignitosa” né per le persone né per la città, il Comune ha ritenuto di riattivare con procedura d’urgenza il dormitorio del Cornocchio. La cooperativa Aurora Domus ha dichiarato la disponibilità a riattivare in urgenza e con immediatezza il servizio ed è stata affidata la gestione per due mesi con impegno di risorse comunali in via straordinaria.

Da sabato mattina le persone individuate e segnalate potranno recarsi presso lo sportello in piazza Duomo per le procedure di ingresso al dormitorio.

Si parla di

Video popolari

Rete diritti in casa: "Più di 300 famiglie senza casa, e la situazione è destinata a peggiorare"

ParmaToday è in caricamento