L'allarme dell'Ordine dei Medici: "A Parma urgono dispositivi di sicurezza"

Lettera al Ministero della Salute: "Le lungaggini burocratiche o gli intoppi strada facendo mettono a rischio la vita di medici e operatori, oltre che dei pazienti"

L'Ordine dei medici lancia un appello: "A Parma mancano i dispositivi di protezione. Alla categoria serve maggior tutela sotto tutti i punti di vista. Quelli che arrivano non sono sufficienti".

Un appello che prende la forma di una lettera - inviata dal Presidente Omceo Parma Pierantonio Muzzetto al Ministro della salute Roberto Speranza – in cui si chiede di intervenire con urgenza a supporto della situazione di Parma, nell’area nord della Regione Emilia-Romagna, in questa fase epicentro dell’epidemia da COVID-19.

Muzzetto rimarca "la seria situazione della mia città, Parma, nel pieno dell'epidemia Covid-19, e la necessità d’avere adeguate protezioni per tutti coloro che oggi operano, a vario livello, per combattere questa terribile emergenza".

Ciò che viene sottolineato con forza è che ogni giorno ci si risveglia in una situazione kafkiana. "Le Regioni, da un lato, ci dicono che sono arrivati finalmente i DPI (dispositivi di sicurezza) e, dall’altro, si scopre che ci sono problemi “centrali” di distribuzione dei presidi". E purtroppo anche quelli ordinati direttamente dalla Regione, sembra restino bloccati nei nodi di smistamento logistico a causa di lungaggini burocratiche o si perdono nei meandri reticolari strada facendo.

Se mai fosse vera una simile evenienza, ovvero tempi di consegna dilatati colpevolmente – si afferma nella lettera - ci sarebbe davvero da preoccuparsi. Fatto sta che fondatezza o meno delle ragioni causali, gli effetti sono che i dispositivi di sicurezza scarseggiano e non si vedono arrivare in modo adeguato.

L'augurio è che le voci su questi "intoppi" siano infondate, perché, altrimenti, ci ritroverebbe nella situazione storica di mandare al fronte reclute senza adeguato equipaggiamento, votate al sacrificio. "Un sacrificio evidente e sconvolgente", scrive Muzzetto.

E oggi, "con la perdita di medici, ospedalieri e di famiglia, che con dedizione si stanno prodigando contro questo nemico invisibile, inclemente e volgare, né lei (Ministro Speranza ndr) né tantomeno noi, che rappresentiamo i medici, possiamo aspettare".

Muzzetto ricorda ancora, in sintesi, come parlare di eroi sull’onda dell’emotività sia troppo comodo, oggi, dopo che per anni si è anche normativamente intrapreso un atteggiamento punitivo nei confronti della categoria, generalizzando sulla malasanità, e così, indirettamente e involontariamente, legittimando il sempre più crescente fenomeno della violenza nei confronti dei medici e sanitari. Si chiede dunque rispetto, considerazione e coinvolgimento nelle scelte, e soprattutto verità coniugate con quella sicurezza che da tempo si chiede, sotto ogni forma. E la forma di cui si urge adesso ha per sigla DPI.

Quello che si chiede al Ministro è che faccia ogni atto per assicurare tranquillità ai medici ora e nel dopo, al riparo anche da eventuali rivendicazioni legali (il che non stupirebbe purtroppo), a epidemia finita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si chiede quindi tutela al Ministro che, "da subito, faccia in modo di farci avere le protezioni necessarie, come pure consenta l’arrivo di medici e infermieri che ci sono stati promessi: ne abbiamo davvero bisogno. Il suo incedere ci fa capire che è con noi. Per cortesia ci faccia sentire la sua vicinanza con atti concreti. La nazione ce lo deve", si conclude la lettera. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

Torna su
ParmaToday è in caricamento