Disabilità, la proposta della Consigliera Barbara Lori: “Via la tassa regionale per il diritto allo studio universitario”

Lori: “Nuovo impulso all’accesso all’istruzione accademica per studenti con invalidità o disabilità superiore al 66% già dall’anno accademico appena avviato”

“In Emilia-Romagna sono tenuti a pagare i 140 euro di tassa regionale tutti coloro che si iscrivono ai corsi di studio delle Università e Istituti equiparati che hanno sede legale nel territorio regionale. Per dare un nuovo e concreto impulso all’accesso all’istruzione accademica, chiedo alla nostra Regione di valutare l’esenzione per gli studenti con disabilità o invalidità riconosciuta pari o superiore al 66% già a partire dall’anno accademico appena avviato” è questa in sintesi la proposta della consigliera regionale Pd Barbara Lori, autrice di un’interrogazione scritta con cui formalizza la richiesta alla Giunta di viale Aldo Moro.

Già altre regioni, ovvero Lombardia, Piemonte e Toscana, hanno cancellato la tassa di loro competenza. Una decisione maturata sulla base della propria legislazione regionale o in alternativa di un’interpretazione estensiva della norma statale in materia di diritto allo studio, che prevede l’esonero totale da tasse e contributi universitari per gli studenti con disabilità o invalidità riconosciuta pari o superiore al 66%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Oggi in Emilia-Romagna esistono alcune specifiche esenzioni, per esempio per i beneficiari delle borse di studio di competenza regionale o dei prestiti d’onore. Se introducessimo anche quella da me proposta, penso che si completerebbe un quadro già molto avanzato. – spiega Lori – Nella programmazione e nei bandi per il diritto allo studio relativi sia alla formazione scolastica che universitaria, infatti, il sostegno alla disabilità riveste un ruolo centrale per la nostra Regione, che in questo campo investe risorse significative con la finalità di favorire il percorso di crescita e di integrazione degli studenti con maggiori difficoltà”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in via Bologna: 50enne incinta di sette mesi muore in casa

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus, l'appello choc di una 26enne: "In 40 metri quadri in 6 con 4 figli: non abbiamo i soldi per fare la spesa"

  • Buoni spesa, Pizzarotti: "Da venerdì si potrà compilare il modulo online: ecco chi potrà chiederli"

  • Coronavirus, Vigili del Fuoco in lutto: muore a 58 anni Giorgio Gardini

  • "Chi non è residente deve lasciare l'abitazione": a Parma la truffa del falso avviso del Ministero dell'Interno

Torna su
ParmaToday è in caricamento