I richiedenti asilo raccolgono i rifiuti

Un lavoro articolato che, in sole tre ore, ha permesso di recuperare circa 30 sacchi contenenti più di 5 quintali di rifiuti

Sono ripartite nei giorni scorsi le attività di volontariato relative alla pulizia urbana ad opera dei richiedenti protezione internazionale, accolti nei Centri di Accoglienza Straordinaria della città.

La prima zona interessata dall’intervento è stata quella dell’area che dalla rotatoria prossima al casello autostradale si estende fino a viale Europa: undici volontari richiedenti protezione internazionale hanno realizzato il primo intervento, accompagnati dai tutor delle strutture in cui sono accolti, Svoltare e Associazione San Giuseppe.  

Un lavoro articolato che, in sole tre ore, ha permesso di recuperare circa 30 sacchi contenenti più di 5 quintali di rifiuti. Il tutto sotto l’attenta supervisione del personale del Comune di Parma del settore di competenza e della Polizia Municipale, che hanno assicurato livelli di sicurezza ottimali durante tutto lo svolgimento delle operazioni. L’attività di volontariato interesserà nel prossimo periodo tantissime zone della città, comprese quelle oggetto di segnalazioni da parte dei cittadini, tramite l’applicazione "Comuni-Chiamo". Ancora una volta i richiedenti protezione internazionale rispondono ad un’esigenza della nostra città attraverso l’impegno volontario, sottolineando come la loro presenza sul territorio sia sinonimo di ricchezza e opportunità.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le attività di pulizia urbana, così come tutte le altre iniziative di volontariato, sono frutto di una ormai storica collaborazione tra i Centri di Accoglienza Straordinaria e l’Amministrazione Comunale, che trova nel Patto di Collaborazione lo strumento atto a normare i contributi offerti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: le misure dal 14 luglio

  • Choc a Collecchio: muore a 12 anni per una malattia fulminante

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

Torna su
ParmaToday è in caricamento