Realizzato negli Stati Uniti processore quantistico ideato dall'Università di Parma

Pubblicato su “Physical Review Letters“ un esperimento basato sulla teoria del prof Sandro Wimberger del Dipartimento di Scienze Matematiche, Fisiche e Informatiche

In un laboratorio americano è stato realizzato un nuovo tipo di “random walk“, sulla base di modelli teorici sviluppati dai fisici dell’Università di Parma: l’esperimento, fondato sulla teoria del prof Sandro Wimberger del Dipartimento di Scienze Matematiche, Fisiche e Informatiche, è stato pubblicato sulla rivista “Physical Review Letters“.

Un random walk (cammino casuale) è un modello matematico che descrive l'idea di un cammino in cui la direzione di ogni passo è decisa in base al lancio di una moneta: la posizione finale non può essere predetta con esattezza, ma è possibile calcolare la probabilità di raggiungere una data posizione. Nel mondo quantistico, inoltre, il camminatore ha la peculiarità di poter simultaneamente coprire tutti i passi del percorso.

Questo nuovo random walk è stato realizzato su atomi ultrafreddi (-273°C sotto zero, la sostanza più fredda esistente nel nostro universo) colpiti con un laser per conferire direzioni casuali. Il controllo del percorso è duplice: attraverso il controllo dello “stato interno” degli atomi, che stabilisce la probabilità di andare in una direzione, e il controllo della velocità, che determina il  “camminamento“ vero e proprio. 

L'esperimento, condotto all‘Oklahoma State University-Stillwater, è il frutto di una collaborazione pluriennale con l’Università di Parma (Dipartimento di Fisica, ora Dipartimento di Scienze Matematiche, Fisiche e Informatiche). A Parma è nata diversi anni fa l’idea, già oggetto di un altro articolo, e qui, grazie anche a diverse collaborazioni internazionali, se ne sta sviluppando la teoria e si stanno risolvendo i problemi tecnici per renderla realizzabile, e in definitiva “reale“.

All’Università Parma si sta già lavorando sull’applicazione del random walk degli atomi per creare algoritmi di ricerca in grado di prelevare informazioni da un database in modo molto più efficiente dei computer tradizionali. L’esperimento effettuato e la teoria che lo supporta rappresentano la base di futuri progetti internazionali, in cui l’Università di Parma potrà rivestire un ruolo fondamentale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nascondevano otto chili di cocaina in un garage del San Leonardo: arrestato un pizzaiolo ed il suo complice

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Esce di strada in via Emilia sotto la pioggia a dirotto: gravissimo al Maggiore

  • Maltempo: allerta per piene dei fiumi e frane in Appennino

  • Gervinho, lesione di primo grado: ecco i tempi di recupero

  • Usò il collare elettrico fino a provocare la morte del cane: condannato allevatore 47enne di Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento