Va in montagna e riempire le taniche d'acqua, sorpreso dai Forestali si giustifica: "Quì è troppo buona"

Il protagonista dell'episodio è un cittadino di Carpi

Presidiano il territorio, supportano i volontari della Protezione Civile, raggiungono le frazioni più isolate per regalare un sorriso agli anziani rimasti soli nelle frazioni di montagna. I Carabinieri Forestali del Reparto Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano, in collaborazione con l’Ente, nei territori del Parco e in quelli limitrofi contribuiscono a rendere questo periodo difficile più sicuro per i cittadini del nostro Appennino.

Tutti presenti i 15 militi: se la maggior parte di loro ha la famiglia lontana, nessuno è tornato a casa o è andato in licenza, ma con grande senso del dovere i Carabinieri del Parco - dislocati a Castelnovo, a Ligonchio, a Bosco di Corniglio e a Corfino in Toscana - sono rimasti sulle nostre strade a controllare il rispetto delle severe norme sugli spostamenti e sulle attività non permesse. Insieme al personale del Parco Nazionale vengono incontro alle necessità dei cittadini, pronti a intervenire là dove ce n'è bisogno, sovente impegnati per dare alla popolazione un po' disorientata tutte le spiegazioni del caso su quando e come è possibile muoversi e per quali motivi.

Più spesso consigliano alle persone di riprendere la via di casa, ma gli episodi in cui sono stati costretti a comminare sanzioni sono pochi, ed alcuni degni di segnalazione: un cittadino di Carpi è stato sorpreso a riempire taniche d’acqua alla fontana di Ligonchio, e di fronte ai militari ha candidamente ammesso che qui l'acqua è troppo buona per rinunciarvi; un signore residente in Comune di Ventasso è stato invece sanzionato per essersi recato "a prendere un caffè" al bar dell’ospedale di Castelnovo ne’ Monti, l’unico aperto, evidentemente per un desiderio incontenibile di un espresso al bancone o dell'atmosfera rassicurante del bar.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al di là dei casi isolati, il Comandante Piacentini ci tiene a dare alcune importanti raccomandazioni: “in questo periodo in cui tutti si mettono a riordinare il giardino di casa, non sono comunque permessi i falò di foglie e residui vegetali, a meno di non essere titolari di aziende agricole. Inoltre, dal momento che le strade sono vuote, è assolutamente necessario non dimenticare i limiti di velocità per chi circola”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

Torna su
ParmaToday è in caricamento