Animal voice

Animal voice

Il cuore del volontariato: la storia di Laura

Il volontariato è un'esperienza unica. Questa volta Laura ci racconta del suo viaggio in Sud Africa e della sua attività a contatto con gli animali

enko

Fare volontariato è un’esperienza bidirezionale, perché oltre ad aiutare il prossimo, uomo o animale che sia, ci regala una sensazione che null’altro può dare: la gioia di aver aiutato qualcuno con la consapevolezza di aver arricchito il nostro cuore e la nostra anima. Questa volta Laura, anche volontaria E.N.P.A. per la sezione di Parma in via G. Drugman 4/2 (PR), ci racconta la sua storia e ci parla della sua esperienza in Sud Africa per un viaggio di volontariato a contatto con gli animali.

La storia di Laura

E’ il nostro amore per gli animali che ci ha spinte sino all’altro capo del mondo, e a settimane di ricerche sul web che ci hanno portato all’associazione Enkosini Eco Experience (http://www.enkosini.org/), che si occupa di progetti di lavoro per la conservazione della fauna selvatica in Sud Africa, con la quale abbiamo preso contatti per intraprendere un’attività di volontariato presso un loro centro. La nostra avventura di volontarie è iniziata lo scorso 22 aprile con l’arrivo al Bambelela Wildlife Sanctuary, un centro di riabilitazione della fauna situato nella regione del Waterberg in Sud Africa. Nei primi giorni di lavoro il senso di disorientamento ha fatto da padrone: abbiamo infatti riscontrato alcune difficoltà nell’adattarci alle abitudini e ai ritmi del centro, ma grazie alla disponibilità e alla simpatia dello staff e dei volontari ci siamo presto sentite come a casa. Il centro (http://www.bambelela.org.za/), fondato nel 2003, si occupa soprattutto della riabilitazione e reintroduzione in natura delle Vervet Monkey, cercopitechi molto intelligenti che attualmente rientrano tra le specie minacciate di estinzione (sono infatti vittime del processo di urbanizzazione e dall’incessante traffico illegale della fauna selvatica). Insieme al team abbiamo lavorato senza sosta per giorni con l’intento di restituire ad animali sofferti, e recuperati in situazioni di disagio, una seconda possibilità di vita; i lavori da fare infatti sono tanti, svariati, e vanno dalla semplice pulizia e manutenzione delle gabbie alla cura e interazione con i soggetti più delicati e malati: la riabilitazione, attuata con grande pazienza, compassione e dedizione, ha come fine ultimo la reintroduzione in natura dell’animale. La terra rossa, il cielo terso, la semplicità delle persone e i suoi splendidi animali hanno comunque reso meno difficile il nostro lavoro, rendendo l’esperienza in Africa semplicemente unica. Anche se l'attenzione del centro è rivolta soprattutto ai cercopitechi abbiamo avuto la fortuna di interagire anche con zebre, kudu, giraffe, facoceri, babbuini, istrici, manguste e cuccioli di leone, giunti al Santuario in condizioni disperate, ma fortunatamente sopravvissuti. La convivenza con animali così diversi, rispetto a quelli presenti nel nostro territorio, ci ha regalato fortissime emozioni e ci ha permesso di apprendere tantissimo anche sul lavoro importante dei volontari che lottano quotidianamente per preservare questo immenso e spettacolare patrimonio che la natura ci ha regalato.

Credo che dopo queste parole, chiunque senta nel proprio cuore il desiderio di fare un’esperienza simile, abbia trovato conferma. Grazie all’attività dei volontari, in ogni parte del mondo, animali e persone trovano amore e conforto, ed ottengono una possibilità per ricominciare. E’ grazie all’attività di queste persone, e del positivo riscontro di coloro che scelgono di aiutare, che il mondo preserva la sua bellezza. 

Grazie a Laura per essersi fatta portavoce di questo messaggio. 

Link di riferimento: http://www.enkosini.org e http://www.bambelela.org.za/

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Fallisce la Sebiplast: al via i licenziamenti collettivi

  • E' morto Beppe Aliano, il 19enne rimasto coinvolto nello scontro di Fontanini

  • Blitz in casa di un commerciante 46enne: in cantina 23 chili di hashish nascosti tra le bottiglie di vino

Torna su
ParmaToday è in caricamento