Caso Pesci, il Gup: "Nessun consenso della ragazza al rapporto a tre"

Le motivazioni della condanna di Wilson Ndu Aniyem a 5 anni e 8 mesi

Sono state depositate le motivazioni della condanna, con il rito abbreviato, del nigeriano Wilson Ndu Aniyem a 5 anni e 8 mesi di carcere, per violenza sessuale e lesioni ai danni di una ragazza di 21 anni. Wilson sarebbe il complice, secondo l'accusa dell'imprenditore parmigiano Federico Pesci: il processo nei suoi confronti è in corso. Secondo il Gup Mattia Fiorentini "è certo che non avesse prestato nessun consenso al rapporto a tre (con Pesci e l'Aniyem contemporaneamente) nè tantomeno, avesse consentito alle modalità con cui poi si sono consumati (immobilizzata, frustata e percossa con oggetti contundenti). Secondo la ricostruzione degli inquirenti era stato Pesci a contattare la ragazza per organizzare l'incontro, avvenuto all'interno del suo attico in via XXIV Maggio nella notte tra il 18 ed il 19 luglio. "Senza nessun preavviso - scrive il Giudice - l'Aniyem estraeva da un borsone una frusta (di cui la ragazza nemmeno sospettava l'esistenza) e la colpiva da tergo, così forte da farla vacillare a terra: poi, lui e Pesci la legavano, la issavano". 

Potrebbe interessarti

  • Formiche, i rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Un'idea rivoluzionaria? Arriva il lavaggio delle auto a domicilio

  • I rimedi naturali per allontanare api, vespe e calabroni senza danneggiare l'ambiente

  • 'Io accolgo': il flash mob con le coperte termiche al Regio

I più letti della settimana

  • "Questa pizzeria appartiene a Salvatore": ecco come i Grande Aracri controllavano un locale di Parma

  • Tragico schianto a Castione Baratti: muore motociclista 18enne

  • Terrore a Traversetolo, autobus a zig zag: i passeggeri evitano la tragedia

  • Pene gigante contro i passanti per un addio al celibato: parmigiano allontanato e multato

  • Choc in Pilotta, violenza sessuale contro una ventenne: arrestato 28enne pachistano

  • Tutte le tortellate di San Giovanni a Parma e provincia

Torna su
ParmaToday è in caricamento