La tragedia dei missionari Saveriani: 12 morti in pochi giorni

Le ultime tre vittime sono Piergiorgio Bettati, Stefano Coronese Gerardo Caglioni

ll missionario Saveriano Garardo Caglioni

C'è una tragedia nella tragedia. E' quella dei Missionari Saveriani di Parma. In pochi giorni sono stati ben dodici i religiosi deceduti nella nostra città. Nelle ultime ore altre tre morti si sono andati ad aggiungere a dieci dei giorni scorsi. Si tratta di Padre Piergiorgio Bettati, di Padre Stefano Coronese di 88 anni e di padre Gerardo Caglioni di 73 anni. Gli altri missionari deceduti sono stati: Enrico Di Nicolò, Nicola Masi, Vittorio Ferrari, Giuseppe Rizzi, Piermario Tassi, Guglielmo Saderi, Giuseppe Scintu, Luigi Masseroni, Pierino Zoni. 

Gerardo Caglioni 
Entrato in Istituto ad Alzano Lombardo, nel 1959, durante la scuola media; fece gli studi ginnasiali a Cremona (1962-1964). Passato quindi a S. Pietro in Vincoli per il noviziato, emise la Prima Professione il 03.10.1965. Successivamente passò a Tavernerio per il liceo (1965-1969). Compì gli studi teologici a Parma (1969-1975) con l’intermezzo di un anno come prefetto nella Scuola Apostolica di Cremona (1971-1972). Emise la Professione Perpetua il 03.12.1973 e venne ordinato Presbitero a Parma il 29.09.1974. Dopo alcuni anni di servizio come formatore nella Scuola Apostolica di Brescia (1975-1979), spese un anno a Londra per lo studio dell’inglese (1979-1980). Partito per il Messico nel 1980, vi rimase fino al 1983, per poi ritornare a Londra per continuare lo studio della lingua, in quanto destinato alla Sierra Leone. In questa missione arrivò nel 1984 e vi rimase fino al 1993, dapprima come Vice parroco a Kamalu e poi a Freetown. Dal 1991 al 1993 fece studi di Islamismo e Missiologia a Roma, dove prestò un servizio come redattore del Commix (1993-1998), e continuò gli studi di Missiologia per il Dottorato (1998-2001). Ripartito per la Sierra Leone, fu Parroco a Bumbuna (2002-2004) e per alcuni mesi a Makeni (2004). Dal 2004 al 2006 svolse il suo ministero a Lungi. Successivamente andò a Londra per studi (2006-2008) e tornò a Roma ancora per studi dal 2008 fino al 2014, quando venne destinato alla casa di Alzano L. Dal 02.08.2017 si trovava nella Casa Madre di Parma, dove continuava a svolgere il suo ministero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Piergiorgio Bettati 
Era entrato in Istituto ad Ancona nel 1949, dove completò le scuole medie inferiori (1949-1950), passando poi a Zelarino per il ginnasio (1950-1952). Fatto il noviziato a S. Pietro in Vincoli, emise la Prima Professione il 12.09.1953, per passare subito a Desio per il liceo classico (1953-1956). Studiò la teologia a Parma (1957-1961), dove emise la Professione Perpetua (05.11.1958) e venne ordinato Presbitero il 16.10.1960. Continuò gli studi a Roma dove fece la specializzazione in Missiologia all’Urbaniana, ottenendo la Licenza. Dal 1963 al 1972 svolse il suo servizio nello Studentato Teologico di Parma come insegnante e bibliotecario. E dal 1966 al 1970 anche come Segretario degli Studi. Dopo alcuni mesi di aggiornamento a Parigi, nel settembre del 1973, partì per il Congo dove rimase fino al 1983, prestando il suo servizio a Baraka come Vice parroco (1973-1978), successivamente come parroco a Kiliba (1978-1979), e come Vice parroco a Cimpunda (1979-1983). Rientrato in Italia nel 1983, fece un periodo di aggiornamento a Roma (1983-1984), e poi ritornò a Parma dove lavorò come Bibliotecario (1984-2005), come insegnante (1986-1994), e ancora come Direttore della Biblioteca (2005-2015). Dal 2015 continuava a offrire la sua disponibilità per il ministero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Coronavirus: a Parma sabato e domenica chiusi centri commerciali e supermercati

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus: il Gruppo Chiesi dona 3 milioni di euro e aumenta del 25% lo stipendio dei lavoratori

  • Coronavirus, Venturi: "Sistema al collasso se a Parma i contagi non diminuiscono"

  • Coronavirus: in arrivo una nuova certificazione

Torna su
ParmaToday è in caricamento