Tragedia in un'azienda agricola di Cozzano: 26enne muore travolto da un ballone di fieno

Massimo Ruffini è stato raggiunto dai soccorritori del 118 che non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso

Tragedia sul lavoro nella mattinata di oggi, venerdì 12 aprile, a Cozzano di Langhirano all'interno di un'azienda agricola che si trova lungo la strada provinciale tra Langhirano e Calestano. Un giovane lavoratore di 26 anni, Massimo Ruffini, è morto in seguito ad un grave incidente sul lavoro. Il giovane sarebbe stato travolto da un ballone di fieno. Il giovane morto, Massimo Ruffini, era il titolare dell'azienda insieme al padre.

L'episodio è avvenuto poco prima delle ore 11. Sul posto sono arrivati i soccorritori del 118 che non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. L'elisoccorso, che si era alzato in volo dall'Ospedale Maggiore, non è intervenuto. Sul posto i carabinieri stanno cercando di ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente che ha portato al decesso del ragazzo. 

Aggiornamenti a breve

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Massacrata e minacciata per anni dal mio ex: adesso ho paura ad uscire di casa"

  • Cronaca

    Raid al parco Ducale, trovata e sequestrata droga: denunciati due pusher

  • Politica

    Pizzarotti: "Ecco perchè non farò un selfie con Greta Thunberg"

  • Attualità

    Tagli alle pensioni di 28mila parmensi. Cisl: “Colpa della finanziaria”

I più letti della settimana

  • Tigotà apre a Parma lo store più grande della città

  • Bimba di 10 mesi muore nel sonno a Colorno: abitazione sotto sequestro

  • Poste non paga gli interessi di un buono di 34 anni fa: nonna e nipote risarciti

  • Lascia il figlio di 3 anni solo in casa per andare a firmare in Caserma, lui scappa in strada: 42enne denunciato

  • Primo prelievo multi organo a cuore fermo: lavoro di squadra tra Parma, Reggio e Modena

  • Tagli all'accoglienza: 21 euro a migrante ma Parma se ne frega e prepara mille posti

Torna su
ParmaToday è in caricamento