Shock al Pronto Soccorso: infermiera aggredita con calci e pugni

La donna stava curando un anziano nel triage quando è uscita per i forti rumori: prognosi di dieci giorni

Stava effettuando il suo turno di lavoro al Pronto Soccorso dell'Ospedale Maggiore di Parma quando all'improvviso è stata aggredita da un paziente, senza un apparente motivo. La donna, che ha riportato dieci giorni di prognosi, è stata picchiata da un uomo robusto, sotto gli occhi di alcune persone che, in quel momento, si trovavano all'interno della struttura sanitaria.  L'infermiera stava curando un anziano nel triage quando si sono sentiti dei rumori all'esterno dell'ambulatorio. L'infermiera è uscita ma è stata investita dalla violenza fisica di un paziente in preda all'agitazione, che stava cercando di entrare all'interno dell'ambulatorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Coronavirus, due nuovi casi a Parma: il bilancio si aggrava e sale a quattro

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Coronavirus: si cercano le persone a contatto con l'uomo di Lesignano la sera del ballo a Codogno

Torna su
ParmaToday è in caricamento