"L'Aqualena Fitness era gestita dal boss Alfonso Diletto"

Le dichiarazioni del pentito Antonio Valerio negli atti del processo Aemilia sulla struttura sportiva sequestrata ieri dalla Guardia di Finanza per reati tributari

I nomi dei fratelli calabresi Antonio e Marcello Vetere, indagati per reati tributari in seguito all'inchiesta che ha portato al sequestro, da parte della Guardia di Finanza, del centro sportivo di via Ximenes, appaiono anche negli atti del processo Aemilia, anche se non sono indagati per reati legati alla criminalità organizzata. Il pentito Antonio Valerio parla di loro nel corso di tre interrogatori: "Antonio Valerio - si legge negli atti - ha riferito che Vetere Antonio è il prestanome di Diletto Alfonso, condannato a 14 anni per associazione mafiosa. Secondo le dichiarazioni del pentito, riportate negli atti dell'inchiesta Aemilia quindi il centro sportivo, che comprende la piscina Aqualena, sarebbe in realtà stato gestito dal presunto boss, condannato in via definitiva. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "C'è una festa clandestina" e chiamano i carabinieri: era un giovane che giocava alla playstation

  • Parma a rischio chiusura totale, Venturi: "Valutiamo se fermare tutto"

  • Va in auto in un supermercato di San Polo d'Enza per fare avance ad una cassiera: parmigiano denunciato

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Coronavirus: dopo Piacenza nuove restrizioni in arrivo anche a Parma

  • Coronavirus: ecco cosa si può fare e cosa no a Parma dopo le ultime norme

Torna su
ParmaToday è in caricamento