Massimo Beccarelli: 140 caratteri per diffondere la cultura

Massimo Beccarelli, professore di Lettere a Borgotaro, spiega in poco più dei 140 caratteri consentiti da Twitter il senso del suoi hashtag culturali Il suo #classicidaleggere è stato un caso nazionale

"Se restasse in un volume impolverato non sarebbe d'aiuto a nessuno, invece deve circolare e deve essere accessibile a tutti. Questo è un modo per condividere e allo stesso tempo diffondere cultura". Massimo Beccarelli, professore di Lettere a Borgotaro, ha usato poco più dei 140 caratteri consentiti da Twitter per spiegare il senso del suoi hashtag culturali e il motivo per cui anche un social network può essere il tramite per avvicinare chiunque al sapere. Il suo #classicidaleggere, poi, è stato un caso nazionale e per un giorno si è posizionato tra i primi cinque hashtag che fanno tendenza in Italia arrivando anche, in alcuni momenti, al primo posto.

Un successo inaspettato per lo stesso Beccarelli che ha iniziato a usare Twitter con un po' di scetticismo: "Le prime volte non mi piaceva molto e non riuscivo a farne un grande uso, solo quando ho capito come gestirlo ho notato che è molto interattivo e che, a differenza di Facebook, ci permette di dialogare davvero con tutti, anche con persone che altrimenti sarebbero difficili da avvicinare". Così Beccarelli ha creato i primi hashtag per diffondere e condividere cultura - #iversicheamo e #ilibricheamo - riscuotendo anche un discreto successo al punto che molti lo hanno imitato lanciando #iquadricheamo, #iluoghicheamo, #ifilmcheamo. Da qui l'idea di creare un hashtag che potesse valorizzare i libri classici e così è nato #classicidaleggere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora, però, si spera in qualcosa di più: "Ho scritto più volte a Twitter - spiega Beccarelli - per chiedere di far inserire negli account popolari la cultura ma al momento non ho ricevuto risposte. Dopotutto c'è lo sport, la politica e sarebbe bello che ci fosse anche la cultura ma so bene che la mia è un'iniziativa faticosa quindi non so verrà realizzata". Intanto su Twitter il professore 36enne continua a essere seguito da moltissime persone e probabilmente anche da qualche alunno: "Sicuramente, considerati i 140 caratteri obbligatori dei tweet, il vantaggio sta nel fatto che con pochi versi alla volta il linguaggio letterario, che a volte risulta ostico, sarebbe meno faticoso. Ma qui si nasconde anche il difetto: con pillole di letteratura è difficile trasmettere il senso di un'opera". Forse, quindi, è presto per pensare di affiancare un social network a un libro di testo, ma non è presto per creare una piccola biblioteca on-line in cui chi vuole può riscoprire il piacere della letteratura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: le misure dal 14 luglio

  • Choc a Collecchio: muore a 12 anni per una malattia fulminante

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

Torna su
ParmaToday è in caricamento