Colornese stroncato da un infarto mentre riprende la gara del figlio

Giuseppe Dodi, 55 anni, era a Sovico per seguire la Coppa di ciclismo Colli Briantei nella quale gareggiava il figlio Luca, corridore del Team Idea. Poco prima dell'inizio il suo cuore ha cessato di battere

Giuseppe Dodi, 55 anni, papà di Luca ciclista e alfiere del Team Idea, è purtroppo mancato all’affetto dei suoi carie di tanti sportivi a Sovico (Monza e Brianza) a pochi minuti dalla partenza della Coppa Colli Briantei riservata a elite e under 23, ieri domenica 5 giugno. E' quanto si legge in un comunicato ufficiale pubblicato sul sito di ciclismo pedaletricolore.it.

Papà Giuseppe ha sempre avuto enorme passione per il ciclismo. Ieri mattina Giuseppe è arrivato come sempre puntualissimo a Sovico per assistere alla classica e analizzare meticolosamente al prestazione del figlio. Tra gli hobbies di Giuseppe c’era anche la ripresa degli eventi con la telecamera. Naturalmente Giuseppe ha ripreso con la telecamera i preliminari.

A pochi minuti dal via si è anche servito di una scaletta per meglio inquadrare Luca e gli altri corridori. Mentre riprendeva, il suo cuore ha cessato di battere. Papà Dodi è stato trasportato all’ospedale San Gerardo di Monza per i necessari rilievi di medici e magistrati. La famiglia Dodi è di Colorno. Oltre a Luca, Giuseppe Dodi lascia l’altro figlio, Marco e la consorte Elena. I corridori del Team Idea hanno preso il via alla Colli Briantei ma dopo pochi chilometri, sconvolti dal dolore, hanno abbandonato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Fallisce la Sebiplast: al via i licenziamenti collettivi

  • E' morto Beppe Aliano, il 19enne rimasto coinvolto nello scontro di Fontanini

  • Via Langhirano, pauroso frontale tra auto e camion nella notte: un ferito gravissimo

Torna su
ParmaToday è in caricamento