Verde pubblico, 164mila euro per una ditta di Castelfranco

Partiranno ai primi di ottobre gli interventi sul patrimonio verde della città. Potature, abbattimenti, rialzi e messa in sicurezza degli alberi. Nuovi giochi e arredi per 20 aree della città.

Da un lato tutelare e salvaguardare gli alberi della città, dall'altro assicurare che le piante non siano pericolose per i cittadini e per la circolazione. Con questo duplice obiettivo l'assessorato all'Ambiente del Comune di Parma, nella persona dell'assessore Cristina Sassi ha programmato un nuovo e ulteriore intervento sul patrimonio verde della città, che si va ad aggiungere al programma di manutenzioni ordinarie e straordinarie già varato per il 2010.

Sulla scorta delle esigenze emerse a seguito dei monitoraggi effettuati dai tecnici del Verde pubblico e delle segnalazioni fatte pervenire dai cittadini al call center di Comune Amico, l'Amministrazione comunale ha indetto una procedura di gara, che si è aggiudicata la ditta "Fea Srl" di Castelfranco Emilia per un importo contrattuale pari a circa 164 mila euro. Con l'intervento si procederà a tutta una serie di operazioni: potature; abbattimenti; rialzi da terra; messa in sicurezza di alberi con rami troppo sporgenti e di siepi che possono intralciare il passaggio dei pedoni; manutenzione e implementazione degli arredi dei parchi come panchine, giochi per bambini e gazebo. L'inizio dei lavori di potatura è previsto in ottobre. Prima ancora sarà effettuata la posa dei giochi e degli arredi in 20 aree verdi della città.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La parmigiana Erica Talco torna a 'Uomini e donne'

  • Tragedia a Varano: 39enne muore schiacchiato dalla ruspa che stava conducendo

  • Annaffia i fiori e l'acqua finisce sul balcone di sotto: 53enne aggredisce il vicino con un grosso machete

  • Week end tra sagre, musica e cultura: tutti gli eventi

  • Baccanelli: bimbo nasce in auto nella notte

  • Blocca il bus in centro e aggredisce l'ex compagna 16enne con il figlioletto

Torna su
ParmaToday è in caricamento