Viale Fratti, tolti i sigilli all'area ex-scalo merci: progetti abbandonati

La zona sequestrata dalla Guardia di Finanza per la presenza di amianto un anno fa è tornata nella disponibilità dei proprietari: qui non sorgerà più nè la nuova Questura nè il centro sanitario

Il progetto del centro sanitario che avrebbe dovuto sorgere in viale Fratti

L'area dell'ex scalo merci di viale Fratti, all'interno della quale la passata giunta Vignali aveva progettato la realizzazione della nuova sede della Questura di Parma e una struttura sanitaria, sequestrata dalla Guardia di Finanza un anno fa è tornata disponibile ai proprietari. La richiesta di mettere i sigilli all'area era arrivata in seguito ai rilevamenti sui livelli di amianto presenti, risultati superiori ai termini di legge.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutto partì da un'interrogazione del gruppo consigliare del Pd in consiglio comunale. Il fermo dei lavori portò anche ad un'inchiesta per abuso d'ufficio che vede coinvolti anche l'ex-assessore all'Urbanistica Francesco Manfredi. Ora che i due progetti sono stati abbandonati e la giunta Vignali non governa più la città l'area è stata rimessa a disposizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Maestra parmigiana litiga su Twitter con un fumettista: poi si incontrano e lo sposa

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Coronavirus: a Parma un morto e 4 nuovi casi

  • Bonus affitto per famiglie e persone in difficoltà a causa dell'emergenza Covid: contributo fino a 1.500 euro

Torna su
ParmaToday è in caricamento