la l.a.j. big band con girotto e corradini presentano le loro “escenas argentinas”

Piacenza Jazz Fest in trasferta a Salsomaggiore Terme. Prima di loro si esibiranno i Koinaim, gruppo vincitore del Concorso Bettinardi 2017

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Per la prima volta in trasferta a Salsomaggiore Terme, grazie al particolare interessamento del Sindaco Filippo Fritelli, il Piacenza Jazz Fest presenta una serata articolata e ricca di musica. Il programma di sabato 24 febbraio alle 21.15 nella Sala Europa del prestigioso Palazzo dei Congressi di Salsomaggiore (PR) sarà suddiviso in due momenti distinti. I primi ad esibirsi saranno i Koinaim, vincitori della sezione Gruppi del Concorso “Bettinardi per Giovani Talenti del Jazz italiano 2017” con il loro vecchio nome Blackish. A seguire sul palco salirà la L.A.J. (Libera Accademia del Jazz) Big Band, diciotto grandi musicisti diretti dal maestro Roberto Gazzani con ospiti speciali il saxofonista e compositore Javier Girotto e il bandeonista italoargentino Pablo Corradini che suoneranno le loro “Escenas Argentina”. Il festival piacentino, organizzato dall’associazione culturale Piacenza Jazz Club, che può vantare il patrocinio del MiBACT, vede il sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano, della Camera di Commercio di Piacenza, della Regione Emilia-Romagna, dei Comuni di Fiorenzuola e Salsomaggiore Terme e di alcune realtà istituzionali e imprenditoriali del territorio. I biglietti per questo concerto sono acquistabili nei pomeriggi feriali dalle 15.30 alle 19.30 presso la sede del Piacenza Jazz Club, il sabato mattina dalle 10.30 alle 12.30 presso il negozio Alphaville di Piacenza, oppure online sul sito www.diyticket.it o nelle ricevitorie Sisal di tutta Italia. I Koinaim sono quattro giovanissimi talenti di Chieti (21 anni l’età media dei suoi componenti), la cui proposta musicale è collocabile tra il Jazz fusion con venature Nu-Soul e che vogliono fare della sperimentazione la loro cifra distintiva. Quando si erano conosciuti al Conservatorio erano partiti con l’idea di riarrangiare brani Pop, ma poi si sono incamminati sulla strada della sperimentazione di stampo Jazz. L’anno scorso avevano convinto tutti, giuria e pubblico, grazie a interpretazioni davvero coinvolgenti e mai banali di loro composizioni. Quest’anno si presentano con una loro incisione fresca di stampa, si tratta del loro primo album dal titolo “View in pieces”. Il gruppo è formato dalla cantante Miriana Faieta insieme a Christian Mascetta alla chitarra, Pietro Pancella al basso elettrico e Michele Santoleri alla batteria. La L.A.J. Big Band è un’orchestra di 18 elementi diretti dal maestro Roberto Gazzani, il quale ha da subito abbracciato il progetto “Escenas Argentinas” che presenta un repertorio di brani originali composti dal bandoneonista Pablo Corradini e da un altro argentino doc, amico di Piacenza e del suo festival, il saxofonista di Cordoba Javier Girotto. I due musicisti e amici nella vita, hanno diverse cose in comune, ma certamente la più evidente è il legame con la musica della loro terra (tango, ma non solo) e un’incredibile passione per il Jazz. Ne nasce un sodalizio fortunato, che ha dato vita a questo progetto dal nome emblematico e che propone un repertorio originale ispirato alla più squisita tradizione sudamericana. La Libera Accademia del Jazz Big Band è una realtà marchigiana di livello che da anni porta avanti il lavoro di approfondimento del repertorio della tradizione jazzistica. Nata una decina di anni fa da uno dei laboratori dell’Accademia Musicale di Ancona, è composta in parte da allievi che hanno frequentato i corsi durante i vari anni accademici. Javier Girotto è un musicista argentino da molti anni stabilitosi in Italia. Noto per aver costituito gli Aires Tango, ha dato vita e partecipato a numerosi progetti musicali (in duo, trio, quartetto fino all'orchestra d'archi) ma appare qui in una rarissima occasione insieme a una big band. Le composizioni di Girotto e di Corradini scelte per la scaletta sono avvincenti e profondamente intrise dell'anima popolare argentina, indossano con stile questo nuovo vestito orchestrale, che risulta ben calibrato, centrato su arrangiamenti classici, ma ricchi e pertinenti, con largo spazio agli interventi solistici del sax soprano di Girotto e del bandoneón di Corradini. Per maggiori informazioni si consiglia di visitare il sito www.piacenzajazzfest.it o visitare la pagina Facebook del festival www.facebook.it/piacenzajazzfest. Per contatti si può scrivere alla mail a biglietti@piacenzajazzclub.it oppure telefonare allo 0523.579034 – 366.5373201

Torna su
ParmaToday è in caricamento