Ghiare di Berceto, 80 studenti da tutta Italia al lavoro per recuperare l'ex Fornace

“Recuperiamo la fornace”: è questo il titolo del workshop-cantiere che si sta svolgendo proprio in questi giorni, dal 28 luglio al 1° agosto, a Ghiare di Berceto e al quale partecipano oltre 80 studenti provenienti dalle facoltà universitarie di Ingegneria e Architettura di tutta Italia

Gli studenti al lavoro con scalpello e martello

“Recuperiamo la fornace”: è questo il titolo del workshop-cantiere che si sta svolgendo proprio in questi giorni, dal 28 luglio al 1° agosto, a Ghiare di Berceto e al quale partecipano oltre 80 studenti provenienti dalle facoltà universitarie di Ingegneria e Architettura di tutta Italia. L’evento, organizzato dal comune di Berceto, gode del patrocinio Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Parma e Piacenza e del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

L’obiettivo è quello di riqualificare i locali dell’ex-cementificio di Ghiare di Berceto – dal punto di vista antropoculturale; ciò senza dimenticare di volgere lo sguardo al futuro per le opportunità che questo complesso potrebbe offrire agli abitanti delle zone limitrofe (un volano del rilancio socio-economico della montagna, una risposta concreta nella lotta allo spopolamento del territorio). Un edificio dalla viva memoria che rappresenta una vera e propria “sfida” per gli oltre 80 ragazzi che – armati di scalpello e martello – stanno offrendo fattivamente il proprio contributo al recupero del fabbricato.

Nel workshop, che si sta tenendo proprio nei locali della fornace, il team di architetti coordinato da Francesco Fulvi con la supervisione scientifica di Roberto Bruni sta guidando i ragazzi attraverso i singoli processi del recupero della struttura, fornendo loro gli strumenti conoscitivi (teorici e pratici) e illustrando le tecniche di intervento in varie fasi: dalla messa in sicurezza del cantiere alle operazioni di demolizione e riqualificazione vere e proprie, passando per l’illustrazione delle tipologie di malte (con prove di miscelazione e realizzazione) e le conseguenti problematiche logistiche da affrontare (ciclo della calce, composizione del mix di aggregati per l’impasto, ricette per le malte e creazione di una malta simile a quella della struttura, etc.), per arrivare alla progettazione e realizzazione di un percorso espositivo temporaneo all’interno della fornace stessa. 

 

La rigenerazione dell'ex-cementificio (complesso oggi di proprietà metà pubblica e metà privata) sta avvenendo all'insegna della sostenibilità energetica e del minor impatto ambientale, nel rispetto della storia, dell’economia e della significativa valenza che la struttura ha assunto per il territorio bercetese. Motivazioni forti che hanno portato il progetto al conseguimento di ben due premi nel 2012, conferiti dal Saie e dallo Iuav di Venezia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Soddisfatto il sindaco di Berceto Luigi Lucchi che, nell’aprire ufficialmente il workshop augurando buon lavoro agli studenti lunedì mattina ha ricordato l’indiscussa importanza dell’intero complesso confermando la volontà dell’amministrazione comunale affinché l’edificio, una volta concluso il processo di riqualificazione, possa diventare “un nuovo punto di riferimento per tutto il nostro territorio”. Mercoledì 30 luglio alle ore 17:30 il sindaco Lucchi incontrerà nella sede del comune a Berceto tutti i ragazzi partecipanti al workshop accompagnati dal pool di architetti: un’occasione per fare il punto sullo stato dei lavori e discutere del progetto di recupero dell’ex-cementificio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in via Bologna: 50enne incinta di sette mesi muore in casa

  • Coronavirus, l'appello choc di una 26enne: "In 40 metri quadri in 6 con 4 figli: non abbiamo i soldi per fare la spesa"

  • Buoni spesa, Pizzarotti: "Da venerdì si potrà compilare il modulo online: ecco chi potrà chiederli"

  • Coronavirus: a Parma tamponi si fanno dalla propria auto

  • Coronavirus, Parma piange altri 25 morti e 118 nuovi casi: il totale supera i 2.200

  • Coronavirus, Venturi contro Borrelli: "Il 1° maggio a casa? Smettetela di diffondere opinioni senza certezze"

Torna su
ParmaToday è in caricamento